Altre Laurentina / Viale Ignazio Silone

Giornata internazionale dei diritti per le persone disabili. Nel Municipio IX niente festeggiamenti

I pochi risultati conseguiti nel campo dei diritti per le persone con disabilità, non soddisfano la Consulta del IX Municipio: "Per noi purtroppo oggi non c'è niente da festeggiare. Non si sono voluti affrontare gli aspetti più critici"

Nel Municipio IX  il 3 dicembre è trascorso come qualsiasi altra giornata. A livello internazionale ricorre un appuntamento importante, con il quale si ricorda l'importanza di attribuire diritti alle persone con disabilità. A livello territoriale però questi diritti latitano nonostante l'impegno di alcune realtà locali.

I RISULTATI OTTENUTI - "Io non ho festeggiato – annuncia  Luciana Gennari Presidente della Consulta della Disabilità nel IX – perchè in questo Municipio non è stato fatto quasi nulla. In positivo riconosco che ci hanno assegnato la stanza in viale Silone, poi hanno messo un nostro banner sul sito del Municipio ed infine hanno avviato i tavoli per il Trust. Però poi  tutte le altre richieste delle famiglie sono state disattese".

LE MAGGIORI CRITICITA' - L'elenco delle cose che restano da fare è considerevole. "Non c'è stata la volontà politica di andare incontro alle criticità più importanti. A Vitinia, la struttura che ospitava i ragazzi è chiusa da giugno. Il progetto della Fattoria sociale non è stato capito. L'assistanza domiciliare ancora non copre tutte le situazioni di disagio, poichè c'è una lista d'attesa ancora molto consistente – ricorda Gennari – le barriere architettoniche non sono state abbattute, nei parchi avevamo chiesto giochi per i bambini con disabilità, perchè potessere avere anche loro momenti di svago. E nemmeno quello è stata fatto. Dunque mi chiedo, come posso festeggiare in questo municipio?"

IL DOPO DI NOI - Ci sono  però delle progettualità ancora in cantiere. "Si sta lavorando per fare un protocollo d'intesa con le società più importanti del territorio, in modo da avviare degli stage per i giovani con disabilità. Ne abbiamo da poco parlato con il Presidente Santoro – ci ricorda la signora Gennari – e poi c'è l'ipotesi, o meglio la nostra proposta, di riaprire la struttura di Vitinia. Lì si lavorava sull'autonomia  e sul sistema di relazione dei ragazzi. Veniva cioè dato a 6/8 persone per volta, a ciascuno per una settimana, la possibilità di sperimentare percorsi lontano dalle loro famiglie. E' propedeutico per il dopo di noi". Un aspetto che angoscia i genitori delle persone con disabilità, è  infatti quello di non sapere cosa accadrà quando papà e mamma non ci saranno più. Cosa ci sarà appunto "dopo di noi". "Quella struttura di Vitinia rischia di degradarsi o peggio ancora d'essere occupata – ricorda Gennari – per questo abbiamo proposto sia utilizzata almeno per fare dei laboratori". La richiesta è relativamente recente. Difficile dunque che possa essere accolta prima della fine dell'anno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata internazionale dei diritti per le persone disabili. Nel Municipio IX niente festeggiamenti

RomaToday è in caricamento