Lunedì, 15 Luglio 2024
Altre Eur / Via Kenia

Casa di Leda, i cittadini dell'Eur insorgono: "Vogliamo trasparenza e sicurezza"

La futura destinazione di alcuni immobili dell'Eur a persone in stato di detenzione alimenta le critiche. I residenti lamentano il fatto che il quartiere sia già adesso insicuro. Lampariello: "I cittadini non ne sapevano niente"

Il 3 dicembre il Presidente Santoro, al termine di un sopralluogo ad una villa dell’Eur, si lasciò andare ad un annuncio. “Questa villa, confiscata alle organizzazioni criminali, è destinata a donne con bambini che sconteranno pene alternative in questo luogo. Lo apriremo al quartiere nei prossimi mesi – dichiarò il Minisindaco, aggiungendo che – l’Eur ed il Municipio avranno una struttura bellissima che sarà data per una giusta causa”.

LE PROTESTE DEI CITTADINI - A distanza di qualche mese, la questione è tornata in auge. I cittadini, venuti a sapere della futura destinazione degli immobili presenti tra via Algeria e via Kenia, hanno iniziato a protestare. “Questo quartiere è già notoriamente martoriato dalla piaga della prostituzione. In tema di sicurezza e tutela dei residenti, a me sembra che si faccia davvero poco – commenta Paolo Lampariello, Presidente dell’Associazione Ripartiamo dall’Eur – ora c’è anche questa vicenda,  passata sopra la testa dei cittadini del Pentangono. Inutile aggiungere che qui, agli abitanti,  non è stato detto nulla”. La richiesta degli abitanti è chiara: “Vogliamo sia garantita la sicurezza – spiega Sandro Maggiorano, residente nella zona – e sicuramente un muro di 50 centimetri o una siepe d’alloro non basteranno”.

LA DESTINAZIONE DEGLI IMMOBILI - Il timore dei cittadini dell'Eur, nasce in funzione delle persone che saranno ospitate negli immobili compresi tra via Kenia e via Algeria. La Giunta Marino aveva deciso di destinarli a madri detenute con i loro figli. A loro faceva riferimento anche il Presidente Santoro nel suo messaggio. E così sarà. Solo che oltre alle detenute, in uno degli immobili sarà ospitata anche “una comunità di accoglienza in favore di minori, sottoposti a provvedimenti della magistratura sia nell'ambito civile che penale della giustizia” leggiamo in un recente documento  del Dipartimento Politiche Sociali.

COSA FARE - “Il Municipio IX realizzerà la nuova casa di accoglienza, senza aver in alcun modo coinvolto i cittadini ed averne ascoltato i pareri – tuona Laura Pasetti, Coordinatrice di Forza Italia  Questa è la compartecipazione  proposta dal Municipio? D’altra parte è necessario che il Commissario Tronca prenda coscienza della necessità di bloccare immediatamente l’esecuzione della delibera comunale.  L’alternativa conclude Pasetti   sarà ancora una volta il ricorso alla Magistratura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa di Leda, i cittadini dell'Eur insorgono: "Vogliamo trasparenza e sicurezza"
RomaToday è in caricamento