menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Eur: servono ancora 170 milioni per completare la Nuvola

Tante incertezze si annidano attorno ai cantieri che, negli anni, sono riusciti a trasformare il volto dell'Eur. Le aspettative dei cittadini sono altissime, come anche i costi da sostenere per il completamento della Nuvola

La Commissione urbanistica che si è svolta nel pomeriggio del 22 aprile all’Eur, sembra sia stata utile, oltre che per avere qualche conferma, anche per carpire qualche novità. Tanti infatti sono i cantieri avviati nel cosiddetto “Pentagono” e poche sono state, sinora, le notizie ufficiali circolate al riguardo.

LA NUVOLA DI FUKSAS - Alla Commissione capitolina ha preso parte anche il Consigliere del M5S Daniele Frongia. “Per la prima volta, in una sede ufficiale, è stata fatta chiarezza su alcuni progetti e su alcune cifre. Ed è stato messo tutto a verbale, anche i tanti ‘non so’, ‘non dipende da me’, ‘non ricordo’ e vedremo”  ha osservato il Consigliere. Poi, analizzando uno per uno i cantieri presenti nel territorio, Frongia ha spiegato che “per  il Nuovo Centro Congressi mancano ancora 170.000.000 di euro. Data chiusura lavori, primavera 2016, ‘se tutto va bene’. L'annesso hotel Lama - chiude il discorso il Consigliere grillino -  sarà forse venduto, forse affittato, forse lasciato lì a marcire, a ricordare al mondo intero che mirabili amministratori ha avuto la nostra città”.

LE EX TORRI - Nel Pentagono regna dunque l’incertezza. Tuttavia a  breve, e forse la priorità è proprio questa, “Eur Spa dovrà presentare al tribunale un piano di ristrutturazione”, ci sarebbero quindi ancora 60 giorni di tempo, “per scongiurare il peggio” fanno sapere sempre i Pentastellati, questa volta dal fronte della Regione Lazio. Incerto poi sembra anche il destino delle ex Torri delle Finanze che saranno nascoste dietro una grafica, “per ridurre l’impatto visivo”, come ha ieri spiegato l’Assessore Caudo.

LE ALTRE INCOGNITE - Senza certezze è il destino dell’ex Velodromo. Una volta l'area si dice che l'area sarà destinata a realizzare un parco acquatico, poi all'edilizia residenziale, infine ad un laghetto sportivo con tanto di cigni. Il comune denominatore, è che si continua a ripetere, e ormai siamo alla terza Giunta, che sarà riqualificata. Cosa dire poi sul futuro dell'ex Luneur, avvolto tra le nubi. Il portavoce degli ex giostrai continua a seguire la vicenda ed ora anche la  Consob, coinvolgendo  Procura della Repubblica e Corte dei Conti, è scesa in campo, nel tentativo di ottenere qualche risposta.

LA NUVOLA E LE ASPETTATIVE - Tra tanti interrogativi, c'è però una certezza. I cittadini potranno visitare il Nuovo Centro Congressi. Recentemente l’Assessore alla Cultura del Municipio IX ha lanciato l’idea, nell'ambito del progetto Promo 9 che sarà formalizzato nel pomeriggio del 23 aprile.  Ma ancor prima, su facebook è stato lanciato l’evento “Porte aperte alla Nuvola di Fuksas” , per la quale si è fissata anche una forbice: dalla mezzanotte del 3 maggio alle ore 18 di domenica 10. Il numero dei cittadini che si sono iscritti, diecimila, è impressionante. E rende la misura di quante aspettative si siano create, nel territorio, rispetto a quell’opera che sembra interminabile. E che, in assenza di 170milioni di euro, rischia anche di diventarlo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento