Domenica, 13 Giugno 2021
Civitavecchia Via Terme di Traiano

Tutti in difesa del Tribunale di Civitavecchia

Il sindaco Gianni Moscherini, il presidende della Provincia di Roma Nicola Zingaretti Cgil, Cisl e Uil e i sindaco di Montalto di Castro intervengono per sventare la chiusura del Palazzo di Giustizia

“Con riferimento ai problemi legati alla possibilità di eliminazione della sede del Tribunale di Civitavecchia ho avuto ieri alcuni incontri in sede ministeriale ed ho ragione di credere che il problema abbia buone prospettive per essere analizzato approfonditamente”. Questo il commento del Sindaco Moscherini che, sulla base dell’ultimo incontro avuto in Comune con numerosi avvocati del foro locale che lamentavano il rischio chiusura della sede del tribunale, ha deciso di incontrare ieri alcuni rappresentanti ministeriali per cercare di riportare le rimostranze del mondo forense. Tribunale di Civitavecchia, "Possibile chiusura? Un colpo durissimo alla Giustizia"
Questo perché le misure anticrisi del Governo, comprenderebbero anche la soppressione dei Tribunali nei capoluoghi di Provincia.

Ricordiamo che il Tribunale di Civitavecchia si occupa di tutte le vicende giudiziarie, non solo della città, ma anche quelle della Provincia di Roma e di Viterbo. Un polo consistente quindi, che comprende due importanti realtà: l'aeroporto di Fiumicino e il Porto di Civitavecchia

Leggi tutto: https://civitavecchia.romatoday.it/caponnetti-tribunale-civitavecchia.html
Diventa fan: https://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809
“Il ministero è stato messo al corrente del consiglio comunale che il prossimo 7 dicembre svolgeremo a Civitavecchia, nonché di tutte le problematiche che gli avvocati locali mi hanno rappresentato nell’incontro di pochi giorni fa. La fase di sensibilizzazione istituzionale su un tema così importante per la città e per tutti i professionisti del settore – conclude Moscherini - è stata quindi avviata e proseguirà ininterrottamente nelle prossime settimane, al fine di risolvere definitivamente, ed in modo condiviso, la vertenza per scongiurare la chiusura del nostro tribunale”.

Preoccupati della vicenda anche Cgil, Cisl e Uil, in particolare per tutti quei lavoratori che operano nel Palazzo di Giustizia cittadino. "Sono circa 200 gli occupati, con varie mansioni, previsti nella pianta organica – spiegano i sindacati - a questi vanno aggiunti circa 450 avvocati con altrettanti segretari e segretarie. Vi sono poi altre decine di unità tra i lavoratori della vigilanza e quelli delle pulizie. Risulta perfino complicata la quantificazione di tutti i lavoratori del complesso ed articolato indotto. Stiamo parlando, complessivamente, di migliaia di posti di lavoro messi in discussione". Rinnovando l'avviso dell'importanza che investe il Tribunale Cgil, Cisl e Uil hanno confermato la propria partecipazione al consiglio del 7 dicembre e l’apertura di una interlocuzione e una collaborazione importante con l’Ordine degli Avvocati e con tutti i soggetti istituzionali e sociali interessati al tema. 

In merito è intervenuto anche il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti giudicando "assolutamente negativa la possibile chiusura degli uffici giudiziari. Sarebbe uno schiaffo per l'intera comunità – ha spiegato Zingaretti - per i cittadini di Civitavecchia e di molti comuni limitrofi. La struttura è un punto di riferimento fondamentale, in grado di garantire da sempre i servizi giuridici e amministrativi necessari. Pur comprendendo che ci troviamo in un momento di grave crisi economica prima ragione alla base del provvedimento, non crediamo sia giusto privare una parte del territorio del suo tribunale, con conseguenze anche dal punto di vista occupazionale per tantissime famiglie. Mi auguro che il nuovo Governo Monti e l'attuale Ministro della Giustizia possano rivedere una decisione sicuramente dannosa per il nostro territorio e individuare al più presto una nuova soluzione condivisa''.

Anche Salvatore Carai, sindaco di Montalto di Castro si schiera a difesa della struttura di Civitavecchia. “Alla popolazione montaltese non possono essere richiesti ulteriori sacrifici – spiega il Sindaco – né possono essere imposti aggravi di costi e oneri necessari a tutelare i propri diritti. Anzi, auspico il potenziamento delle strutture esistenti sul nostro territorio, con implementazione di mezzi e il conseguente aumento degli organici. Le disposizioni governative finalizzate alla razionalizzazione degli uffici giudiziari escludono i soli capoluoghi di provincia ma impongono anche di tenere in considerazione il numero di abitanti, la situazione sociale ed economica del territorio. Un territorio, quello del litorale a nord di Roma, che specialmente d’estate aumenta notevolmente in quanto a numero di residenti e che comunque rappresenta un crocevia importante di grosse attività economiche e sociali che non possono fare a meno di un punto riferimento giudiziario quale è il palazzo di Giustizia a Civitavecchia”.

Ricordiamo che per lunedì 5 dicembre alle 9.30 allo stesso Tribunale, gli avvocati hanno indetto un sit-in di protesta per salvaguardare il futuro della struttura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutti in difesa del Tribunale di Civitavecchia

RomaToday è in caricamento