CivitavecchiaToday

Tassa sugli autobus dei crocieristi, scontro tra maggioranza e opposizione

L'assessore alla Mobilità Sergio Serpente: "Una tassa che ci consente di applicare la legge sul federalismo fiscale". Moscherini: "Una follia"

La tassa sugli autobus dei crocieristi e turisti scalda gli animi tra i politici locali. Da una parte la maggioranza, con il sindaco Tidei, gli assessori Serpente e Venanzi a favore della tassa "per rimpinguare le casse del comune" andando ad incidere "su chi causa inquinamento, calpesta il suolo pubblico, usufruisce dei nostri servizi". Dall'altra parte l'opposizione con tutti i consiglieri di minoranza schierati, leader dell'opposizione Gianni Moscherini in testa che non ne vogliono assolutamente sentir parlare. "Una follia" che andrebbe a "penalizzare il porto e l'occupazione".

LA TASSA SUGLI AUTOBUS - L'amministrazione comunale ha allegato al bilancio di previsione 2013 una delibera per applicare una tassa (il sindaco ha parlato di circa 40/50 euro ad autobus, probabilmente a viaggio) sugli autobus che trasportano i turisti fuori da Civitavecchia e che da altri Comuni si dirigono al porto.

L'IMPOSTA DI SOGGIORNO - Alla tassa sugli autobus si aggiunge anche l'imposta di soggiorno da applicare a quanti decidono di pernottare in città.

LA MAGGIORANZA - Per l'amministrazione Tidei si tratta di una tassa giusta che ripagherebbe Civitavecchia dell'inquinamento causato da questi mezzi pesanti. Anche se i modi in cui sarà applicata sono tutti da decidere. Primo scoglio da superare è la tratta percorsa dagli autobus. Usano la bretella provinciale non soggetta alle regole del Comune. Altro nodo da sciogliere, poi, è l'effettivo costo. Tidei e Serpente prevedono la sottoscrizione di abbonamenti annuali per gli autobus ed esenzioni in casi particolari, come ad esempio gli studenti in gita scolastica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA MINORANZA - Per la minoranza in questo modo si penalizza non solo il porto "unica fonte di sostentamento e di lavoro per la città" ma anche gli autotrasportori (quelli locali compresi) che dovranno a ragion veduta aumentare il costo del biglietto. Costo che si riverserà su chi gli autobus li usa. E così, si potrebbero disincentivare i turisti ad approdare in porto. Una grave perdita per tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento