Civitavecchia Civitavecchia

Acqua, il Tar del Lazio si esprime: 60 giorni per passare ad Acea Ato2

Nel caso in cui il sindaco Tidei non provvederà al trasferimento, si procederà alla nomina di un commissario ad acta. Soddisfatto l'ex sindaco Gianni Moscherini e i consiglieri De Paolis e Vitali

Aveva ragione l'ex sindaco Moscherini, oggi consigliere di opposizione, quando diceva che Civitavecchia sarebbe dovuta entrare a far parte di Acea Ato2. Almeno questo è quanto ha detto il Tar del Lazio con la sentenza che boccia il ricorso presentato nel 2010 da Codici, una delle associazioni consumatori.

Ora il sindaco Tidei avrà 60 giorni per realizzare il trasferimento. Pena, la nomina di un commissario ad acta. Ma forse del commissario ad acta non ci sarà bisogno. Chissà infatti che la sentenza del Tar non faccia gioire anche il sindaco Tidei che durante i primi giorni del suo insediamento era andato a bussare alle casse proprio di Acea per chiedere la riqualificazione del bacino di Monte Augiano e dell'Oriolo. Prestito che il Comune si sarebbe impegnato a restituire a rate, qualora la sentenza avesse dato ragione al Codici. Prestito che Acea avrebbe potuto considerare un investimento qualora invece il Tar avrebbe dato ragione, come accaduto, al Comune e alla stessa Acea.

Una notizia che fa gioire Moscherini che coglie l'occasione per sferrare la frecciatina: "Di fatto la mia amministrazione sta ancora amministrando su temi importanti, cosa che invece non sta facendo questa amministrazione". Esternazioni che il capogruppo Pdl Sandro De Paolis e il consigliere Dimitri Vitali fanno proprie: "Oltre a dare la colpa di quanto sta accadendo in città alla nostra coalizione, l'amministrazione Tidei non sta facendo nulla". Un nulla testimoniato da quelle commissioni che non si riuniscono ("e quindi non hanno nulla da discutere") e da un consiglio comunale "che non delibera nulla".

E come ci si poteva immaginare l'ex sindaco Moscherini non ha sprecato l'occasione per parlare della privatizzazione di Hcs e dei parchi. "Quando a proporre di ricorrere a bandi di gara per la gestione dei parchi fu la mia Giunta, la sinistra disse no. E nel loro programma elettorale hanno scritto i parchi sempre in mano pubblica e ora cosa fanno? Privatizzano. Stessa cosa per Hcs. Io ho proposto la vendita del 60% e la sinistra disse no. E ora Tidei annuncia addirittura la vendita del 100%"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua, il Tar del Lazio si esprime: 60 giorni per passare ad Acea Ato2

RomaToday è in caricamento