Civitavecchia

Sequestrate alla dogana 74 tonnellate di olio destinato a Canada e Usa

Era stato spacciato per olio extravergine d'oliva ma era semplice olio di oliva vergine. Le Autorità competenti hanno denunciato la frode

Quasi 11 mila cartoni di olio di oliva sequestrati, confezionato in bottiglie riportanti in etichetta la dicitura "Extra Vergin Olive Oil", quando in realtà era semplice olio di oliva, destinato in Canada e Stati Uniti, per un peso totale di 74 tonnellate e un valore complessivo di 225.893,88 euro.

A scoprire la frode sono stati i funzionari dell'Ufficio delle Dogane di Civitavecchia, "nel corso delle attività di prevenzione e repressione delle frodi oleari - si legge in una nota dell'Agenzia delle Dogane - coordinate dall'Ufficio centrale antifrode dell'agenzia nell'ambito dei programmi straordinari di controllo definiti dal Ministero delle Politiche Agrigole, Agroalimentari e Forestali - Ispettorato Centrale Controllo Qualità e Repressione Frodi (Icqrf)".

Gli ispettori doganali, una volta accertato dalle analisi compiute sul prodotto dal Laboratorio chimico delle Dogane, che l'olio, dichiarato Extravergine di oliva è risultato semplice olio di oliva vergine, hanno denunciato la frode alle Autorità competenti, "nell'esercizio del commercio - conclude la nota dell'Agenzia delle Dogane - realizzata attraverso falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrate alla dogana 74 tonnellate di olio destinato a Canada e Usa

RomaToday è in caricamento