Venerdì, 25 Giugno 2021
Civitavecchia

Sigilli a cisterna Enel che sversava olio in mare

I carabinieri hanno posto sotto sequestro la cisterna dalla quale fuoriscivano rifiuti oleosi che venivano poi sversati in mare senza essere filtrati. Al momento non c'è nessun indagato e sono in corso verifiche

I carabinieri del Noe di Roma hanno sequestrato all'alba una cisterna della centrale Enel di Civitavecchia che sversava in mare rifiuti oleosi. Il liquido passava attraverso un depuratore di acque bianche non industriali che non le filtrava. Il sequestro è stato disposto dalla Procura di Civitavecchia ma al momento non ci sono ancora indagati e si stanno verificando eventuali responsabilità.

Enel sottolinea che non è avvenuto alcuno sversamento in mare e che l'utilizzo dei serbatoi avviene nel rispetto della normativa ambientale". E' quanto si legge in una nota dell'azienda elettrica. "Il serbatoio oggetto del sequestro contiene acqua industriale - prosegue il comunicato - che, per poter essere riutilizzata nel processo produttivo, viene preventivamente depurata dagli eventuali residui oleosi attraverso l'impianto di trattamento acque reflue appositamente realizzato nella fase di riconversione a carbone, senza alcuno scarico a mare". (Fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sigilli a cisterna Enel che sversava olio in mare

RomaToday è in caricamento