Domenica, 19 Settembre 2021
Civitavecchia Civitavecchia

Marina, la Rete dei cittadini: "Il sequestro poteva essere evitato"

Il presidente dell'associazione Ombretta Del Monte: "Il Sindaco, la Giunta e il Consiglio devono prendere atto dell'ingiustificabile sequestro della Marina e procedere alle iniziative per il dissequestro dell'opera"

"Le motivazioni del sequestro per difformità alle norme di tutela ambientale, in verità non sussisterebbero e approfondimenti specifici della materia avrebbero, probabilmente, evitato il sequestro della Marina e, in ogni caso, l'apertura con i soggetti preposti alle azioni di tutela, di un dialogo sicuramente costruttivo per la positiva conclusione della vertenza".

Torna alla ribalta il caso della Marina di Civitavecchia. Con i suoi lavori ancora bloccati e quelle recinzioni che non permettono ai civitavecchiesi di usufruirne al 100%. A risollevare l'attenzione sul problema è il presidente della Rete dei Cittadini, Ombretta Del Monte. "La stessa procedura adottata per l'utilizzazione di un'area demaniale su cui è stata realizzata l'opera - spiega Del Monte - poteva essere eseguita diversamente se, anche in questo caso, si fosse stati più attenti nell'osservare leggi e regolamenti. L'area poteva essere sdemanializzata precedentemente all'esecuzione dell'opera, corrispondendone il valore ed evitando in questo modo di pagare al Demanio marittimo un canone a tempo indeterminato".

E dalla Rete pensano che il "Sindaco, la Giunta e il Consiglio devono prendere atto dell'ingiustiicabile sequestro della Marina di Civitavecchia e procedere in tempi congrui ad effettuare le iniziative necessarie al dissequestro di un'opera di interesse pubblico ingiustamente sottratta alla fruizione dei cittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marina, la Rete dei cittadini: "Il sequestro poteva essere evitato"

RomaToday è in caricamento