Civitavecchia

Canile Municipale, Reginella: “Da sempre contrario alla sua chiusura"

Il consigliere comunale Pdl Fabrizio Reginella interviene in merito alla questione del canile di Civitavecchia: "Mi batterò perché gli animali non siano trasferiti e si costruisca un nuovo canile gattile con pronto soccorso per animali"

“Rinnovo il mio totale impegno affinché gli animali ospitati nel canile di Civitavecchia rimangano nel loro sito naturale”. Così il consigliere comunale del Pdl, Fabrizio Reginella, esordisce in merito alla vicenda relativa al canile municipale. “Ricordo – afferma il consigliere – che la struttura è gravata, fin dal suo nascere, decine di anni fa, da tutta una serie di illegittimità manifeste, come ad esempio la mancanza del Pai, il documento che attesta la certificazione idrogeologica dell’area. Tuttavia, avendo appreso da poco, a causa di un viaggio all’estero, della problematica legata all’eventuale delocalizzazione degli animali dal canile municipale in quel di Roma, non sono ancora a conoscenza dell’iter che ha portato a questa ingiusta decisione, peraltro già fermata da una nuova disposizione del Sindaco su intervento dell’Assessore del ramo. Per anni mi sono battuto per l’ammodernamento del canile, come previsto dall’ultima legge regionale d’indirizzo, attraverso tutti i canali deputati fino ad arrivare, per rispettare le leggi degli enti superiori, ad essere l’estensore di una mozione per la costruzione di un gattile (i canili comprensoriali hanno l’obbligo di legge d’averne uno, pena la perdita di autorizzazioni) e la realizzazione di un pronto soccorso veterinario per cani e gatti, come imposto dalla legge ma mai istituito in città”. “La deliberazione – spiega Fabrizio Reginella – è la n. 34 del 20/05/2010, votata a maggioranza da 16 consiglieri e che all’epoca ha visto l’uscita dai banchi di illustri dottori, ai quali la perorazione della mia mozione (moz. Prot. n. 63868, del 18/11/2009) supportata da centinaia di pagine scientifiche sulla funzione vitale che hanno gli animali d’affezione nella vita degli esseri umani, la pet therapy, la compagnia insostituibile per bambini ed anziani, non scalfì minimamente le coscienze.
“Poiché il nostro canile – aggiunge il consigliere comunale – si trova in una situazione ai limiti della regolarità, occorre operare su un doppio binario: il suo miglioramento fin dove possibile e al tempo stesso la ricerca di fondi, sia in Comune, sia in Regione, per la costruzione inevitabile di una nuova struttura, a norma, moderna, dignitosa per la vita degli animali e degli uomini che lo avrebbero dovuto vivere. Per questo sono completamente contrario alla sua chiusura e mi batterò affinché al più presto possano essere reperiti i fondi per la costruzione in loco di una nuova struttura, con gattile e pronto soccorso veterinario, cosi come previsto da tutte le normative vigenti”.

 “Sono pronto – conclude Fabrizio Reginella – a sottoscrivere qualsiasi tipo di documento propedeutico alla realizzazione di quanto sopra  descritto”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canile Municipale, Reginella: “Da sempre contrario alla sua chiusura"

RomaToday è in caricamento