Civitavecchia

Pastori sardi: multe e denunce per la protesta di Civitavecchia

Nel dicembre scorso i pastori sardi erano stati bloccati a Civitavecchia mentre protestavano. Adesso per loro piovono denunce e multe, ma ribadiscono: "Domani un sit-in davanti alla Borsa di Milano"

Lo scorso 28 dicembre oltre 200 pastori sardi erano partiti alla volta di Roma per manifestare per i loro diritti, ma erano stati bloccati dalla Polizia all'altezza di Civitavecchia.

Adesso per loro piovono multe e denunce: le accuse sono di resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di farsi identificare. Già il giorno successivo alla protesta la Procura della Repubblica aveva avviato due inchieste per fare luce sulla questione. I provvedimenti delle forze dell'ordine non fanno desistere i manifestanti appartenenti al Movimento pastori sardi: "Sicuramente alcuni di noi sono stati denunciati - ha dichiarato il leader del Mps, Felice Floris -  ma la nostra è una lotta che non può essere fermata da questi provvedimenti: stiamo combattendo per i nostri diritti e andiamo avanti"


"Diversi pastori - ha continuato Floris - mi hanno comunicato di essere stati convocati dalla Questura di Cagliari per la contestazione di un verbale. Non sappiamo ancora a quale manifestazione si riferiscano". Nonostante tutto i pastori sardi promettono nuove proteste, già domani partiranno per Milano per fare un sit-in davanti la sede della Borsa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pastori sardi: multe e denunce per la protesta di Civitavecchia

RomaToday è in caricamento