Domenica, 24 Ottobre 2021
Civitavecchia Civitavecchia / Via Vincenzo Annovazzi

Hcs, si procede con la richiesta di Cassintegrazione alla Regione Lazio

Prosegue la procedura di licenziamento per il supermanager Lombardi. Và a casa anche il direttore amministrativo Hcs Antonino Orioles D'Este. Il 6 novembre incontro con i sindacati

Avviata la procedura di cassintegrazione per i 300  dipendenti di Hcs e di Città Pulita. Inviata infatti la lettera alla Regione Lazio. Obiettivo: operare una manovra, quella della salvezza per la holding e le sue municipalizzate, per un risparmio annuo di 2 milioni e mezzo. E si comincerà dal licenziamento dei dirigenti (risparmio pari a 500 mila euro). Gli altri 2 milioni di risparmio invece potrebbero arrivare dalla ricollocazione dei superminimi all'interno di una pianta organica più snella. Sicuramente saranno aboliti i privilegi.

E per sapere con esattezza quanti saranno di dipendenti che finiranno in cassintegrazione, o addirittura rischiano il licenziamento, si dovrà prima vedere quanti saranno i superminimi che accetteranno la nuova situazione. Tutto ovviamente, dovrà ottenere l'approvazione delle organizzazioni sindacali che l'amministrazione conta di incontrare già nei primi giorni della prossima settimana. Si parla del 6 novembre. Solo con l'ok dei sindacati si potrà andare in Regione.

Intanto una cosa è certa. Continuano le procedure di licenziamento per il supermanager Lombardi, mentre - come si apprende dall'entourage del Sindaco - si può dire già a casa, il dirigente amministrativo Antonino Orioles D'Este. Già inviata nei giorni scorsi la lettera di licenziamento.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hcs, si procede con la richiesta di Cassintegrazione alla Regione Lazio

RomaToday è in caricamento