Domenica, 19 Settembre 2021
Civitavecchia Civitavecchia

"Il polo termale sarà l'occasione di rilancio economico per l'Alto Lazio"

A sostenerlo è il presidente di Acanthus, Giuseppe Sarnella: "Un polo termale unico nel suo genere che permetterà a centinaia di migliaia di persone di rimanere e soggiornare su questo territorio accrescendone i benefici occupazionali ed economici"

"Occorre puntare su Civitavecchia per rilanciare lo sviluppo economico e occupazionale del Lazio e del Paese intero". Lo aveva detto il presidente uscente della Provincia di Roma e candidato per il centrosinistra alla presidenza della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e lo hanno confermato anche il sindaco Pietro Tidei e il presidente dell'Autorità Portuale Pasqualino Monti.

Ora a concordare con questa affermazione è Giuseppe Sarnella, presidente di Acanthus, il polo termale che dovrebbe sorgere a Civitavecchia. "Qui le basi per far bene e ripartire ci sono. Il porto infatti - spiega Sarnella - ha il primato per il traffico croceristico e Acanthus rappresenta un valore aggiunto dal valore inestimabile. Un polo termale unico nel suo genere che permetterà a centinaia di migliaia di persone di rimanere e soggiornare su questo territorio accrescendone i benefici occupazionali ed economici per tutta l'area dell'Alto Lazio. Oggi - prosegue Sarnella - questo flusso imponente di turisti non viene valorizzato e volge la sua attenzione a Roma per mancanza di alternative valide. Il polo termale colmerà il vuoto, portando benefici a 360 gradi. La crisi economica ed occupazionale, la cassa integrazione che mette in agitazione le famiglie, sono drammi che si devono affrontare anche attraverso investimenti di privati che siano mirati e che abbiano respiro e interesse internazionale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il polo termale sarà l'occasione di rilancio economico per l'Alto Lazio"

RomaToday è in caricamento