Civitavecchia

Treno dei croceristi, i pendolari della Fr5 attaccano la Regione

"È uno spreco. Turisti che non sanno che treno prendere, nessun annuncio in lingua straniera, pendolari che vorrebbero prendere questo treno (unica fermata Civitavecchia) e non possono"

Forse Striscia La Notizia riuscirebbe a risolvere la grave situazione dei pendolari della Fr5. O forse, almeno qualcuno si accorgerebbe del paradosso. Un pensiero che accomuna i pendolari e che vede come protagonisti principali di un eventuale "film" da mandare in onda due tipi di treni. Quello vuoto dei croceristi. E quello stracolmo dei pendolari.

E come accade in casi simili i pendolari cercano speranzosi, dalla pagina facebook loro dedicata, di ottenere qualsiasi tipo di risposta dall'assessore regionale alla Mobilità e ai Trasporti Francesco Lollobrigida. Addirittura taggandolo. "Assessore - gli chiede Rosario Sasso - possibile che lei non se ne accorge? Un treno lunghissimo dedicato ai croceristi. E solo 50-60 persone a bordo". E tuona: "È uno spreco. Turisti che non sanno che treno prendere, nessun annuncio in lingua straniera, pendolari che vorrebbero prendere questo treno (unica fermata Civitavecchia) e non possono. Come mai i crocieristi preferiscono il treno pendolari? Perché non rendere disponibile questo treno a tutti? Possibile che transiti un treno quasi vuoto e dopo 10 minuti a noi poveri utenti ci tocca sgomitare per conquistare uno spazio nelle carrozze roventi e incondizionate?".

Carrozze in cui è inutile cercare di trovare un posto a sedere. Perché gli unici rimasti liberi (a Civitavecchia s'intende) sono occupati dalle valige dei turisti. I pendolari? Viaggiano in piedi uno accanto all'altro dove lo spazio vitale non esiste. Gli stessi pendolari si chiedono come mai i croceristi, avendo un treno a loro completa disposizione che in men che non si dica li conduce fino a San Pietro, decidono di vivere la folle avventura di uno qualsiasi pendolare. Una domanda la cui risposta per i viaggiatori della Fr5 sembra quasi scontata: "Forse si sentono presi in giro vedendo almeno apparentemente lo stesso treno. Solo più caro". Qualcuno invece ci va giù pesante: "Trenitalia e/o Regione cercano di lucrare sulla fesseria dei croceristi, che però fessi non sono ... e non vogliono pagare il prezzo maggiorato per un servizio ordinario. Del resto - aggiunge Vincenzo - perché pagare il prezzo da Intercity per un servizio che è da Regionale Veloce, visto che le carrozze (e la destinazione finale di Roma San Pietro) sono quelle tipiche dei servizi ordinari? Trenitalia vuole imbrogliare, ma questo volta non ci riesce".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treno dei croceristi, i pendolari della Fr5 attaccano la Regione

RomaToday è in caricamento