Martedì, 15 Giugno 2021
Civitavecchia

Da Frecciabianca a Frecciarossa, i pendolari della Fr5 protestano

Voci di corridoio parlano di una modifica del treno 9772 in partenza da Termini e con fermata a Civitavecchia. Dalla Fr5 chiedono spiegazioni a Trenitalia e l'intervento della Regione

Alle sorprese, soprattutto quelle negative, non c'è mai fine. E la vita dei pendolari della Fr5 sembra proprio essere costellata di quotidiane sorprese. Di quelle che non ti lasciano raggiungere il posto di lavoro o non ti fanno tornare a casa. Di quelle che ti fanno viaggiare ammassati, dove i rapporti interpersonali sono sempre garantiti da una vicinanza gli uni con gli altri ogni oltre immaginazione.

E così dopo il volatilizzarsi di un paio di treni sulla tratta. Dopo i rincari dei biglietti. Dopo la notizia ancora poco chiara dell'introduzione della possibilità di effettuare il biglietto sul treno (poco chiara perché i pendolari ben poco hanno capito se anche sulla Fr5 si possa usufruire o meno di questo servizio). Ora arriva l'ennesima sorpresa nefasta.

Il Frebbiabianca 9772 delle 18.29 da Roma Termini, con fermata a Civitavecchia alle 19.08 dal 15 settembre rischia di trasformarsi in un Frecciarossa. Un cambio di "colore" che come conseguenza porterebbe con sé la soppressione della fermata a Civitavecchia.

"Da Trenitalia - tuona Luigi Crisostomi del Comitato pendolari Civitavecchia e Santa Marinella - nessuna ufficialità di tutto ciò che sarebbe comunque l'ennesima beffa nei confronti della città di Civitavecchia e che di fatto avrebbe ripercussioni traumatiche sulla già critica situazione del trasporto regionale sull'orlo del collasso. Proprio sui treni regionali - spiega Crisostomi - si riverserebbero infatti altre centinaia di pendolari che nonostante la Carta TuttoTrenoLazio bidirezionale, da alcuni poco rinnovata (e comunque non utilizzabile in direzione Roma per assenza di corse al mattino), si vedrebbero di nuovo "cacciati" dall'unico treno veloce per Civitavecchia utilizzabile nella giornata".

Motivo per cui i pendolari della Fr5 chiedono alla Regione Lazio "di intervenire immediatamente presso Trenitalia per accertare se queste voci" sulla conversione del Frecciabianca in Frecciarossa "abbiano o meno fondamento. Sarebbe un'altra decisione - conclude Crisostomi - che se confermata sarebbe irresponsabile e dannosa per tutti i pendolari".

Ma a tranquillizzare gli animi ci pensa proprio la Regione Lazio. "Dalle prime notizie assunte tramite la Regione Lazio - spiega il delegato dei pendolari del comune di Civitavecchia Amedeo Caravani - pare che la notizia sia infondata. Ovvero non risulta assolutamente che il 9772 diventi Frecciarossa. Mi scrive Daniele Bravi - prosegue Caravani - dell'Assessorato alla mobilità, che il brand Frecciarossa è dedicato ai servizi che percorrono le linee ad alta velocità (Frecciargento ai servizi misti e Fracciabianca ai servizi di punta su linee convenzionali come è appunto il 9772). Quindi - prosegue il delegato ai pendolari - anche volendo il 9772 non potrebbe trasformarsi di colpo in Frecciarossa perché la Roma-Genova non è linea ad alta velocità. Attendiamo ulteriori conferme - conclude - ma dovrebbe essere in effetti così e quindi il 9772 dovrebbe continuare a fermarsi a Civitavecchia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Frecciabianca a Frecciarossa, i pendolari della Fr5 protestano

RomaToday è in caricamento