Civitavecchia

Enel, il sindaco Tidei è pronto "a firmare l'ordinanza di chiusura"

Lo ha detto il primo cittadino al margine dell'incontro con i metalmeccanici preoccupati per le condizioni di lavoro e sicurezza

È pronto "a firmare un'ordinanza di chiusura" nei confronti di Enel, il sindaco Pietro Tidei. "Vista la politica dell'Ente elettrico, l'amministrazione a questo punto - ha detto Tidei - ritiene sempre meno sostenibile da parte della città il massiccio investimento in termini di risorse quali territorio, costa, mare, acqua, aria". Motivi per cui l'amministrazione "riconosce quindi di iniziare ad essere seriamente preoccupata per l'assenza di vere risposte sul tema ambientale e in allarme per le denunce dei lavoratori in fatto di sicurezza sul lavoro".

Ed è proprio con i lavoratori che questa mattina il Sindaco si è confrontato durante l'incontro alla Pucci, prendendo nota di quanto denunciato "con molta serietà e in modo unanime, direttamente dagli stessi operai che hanno parlato di una mancanza totale delle norme di sicurezza, vista la necessità impellente, secondo loro, di risanare profondamente i gruppi di produzione che versano in condizioni definite precarie".

Intanto, in base agli elementi raccolti durante l'incontro l'amministrazione ha chiesto ai dipendenti di fornire tutti gli elementi "di conoscenza necessari a cominciare dalla puntuale relazione richiesta ai sindacati sulla sicurezza del lavoro proprio durante l'incontro alla quale intende dare seguito con l'esame diretto delle rilevazioni ambientali e dei dati certificati sui processi di produzione per iniziare a quantificare l'eventuale danno ambientale subito".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Enel, il sindaco Tidei è pronto "a firmare l'ordinanza di chiusura"

RomaToday è in caricamento