Civitavecchia

Commissioni consiliari, l'opposizione scrive all'amministrazione

I consiglieri di minoranza in ritiro sull'Aventino fino al ripristino della legalità all'interno delle Commissioni permanenti

Lo avevano promesso e hanno mantenuto la parola. Porta la data di oggi la lettera a firma di tutti i consiglieri di minoranza inviata al sindaco Pietro Tidei, al presidente del Consiglio Comunale Marco Piendibene e al segretario generale Luigi Annibali.

Prima hanno sottolineato che "il consiglio comunale", ai sensi dell'articolo 91 dello statuto comunale "avrebbe dovuto approvare la modifica alla composizione delle commissioni consiliari a maggioranza qualificata di 2/3 dei consiglieri, ma nonostante l'assenza dell'opposizione in aula, si è proceduto con la votazione". Poi hanno denunciato l'elezione dei componenti dell'opposizione "all'interno delle stesse commissioni senza peraltro rispettare il criterio previsto per legge del 60% di componenti alla maggioranza e 40% alla minoranza".

Motivo per cui hanno deciso "per queste gravi e palesi violazioni della legalità e del ruolo di controllo delle minoranze di non partecipare a nessuna seduta di Commissione e di Consiglio". E chiedono "di modificare il provvedimento in oggetto, ripristinando il precedente criterio del 60/40 nella composizione delle commissioni e attribuendo quindi 4 membri alla maggioranza e 3 all'opposizione, oppure al limite, 3 e 2 purché si ripristini quanto prima la legalità".

Nel caso in cui l'amministrazione decida di proseguire sulla strada già intrapresa "i consiglieri di opposizione saranno costretti a ricorrere agli organi di competenza che accerteranno la palese violazione in atto e annulleranno, con buona pace di chi oggi fa ostruzionismo, tutti gli atti del consiglio comunale approvati fino in quel momento".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commissioni consiliari, l'opposizione scrive all'amministrazione

RomaToday è in caricamento