Civitavecchia

Civitavecchia, Omicidio Diouf : chiesti 14 anni per Morra

Durante l'udienza di ieri il pubblico ministero Pantaleo Polifemo oltre alla pena detentiva di 14 anni, ha chiesto anche l'internamento per 6 anni in un ospedale psichiatrico ai danni dell'ispettore

A distanza di quasi due anni dall'omicidio di Cheik Diouf, avvenuto il 31 Gennaio del 2009, l'accusa ha chiesto la condanna dell'ispettore di polizia, Paolo Morra, presunto responsabile dell'accaduto, a 14 anni di carcere più altri 6 anni da trascorrere in un ospedale psichiatrico.

Con l'udienza svoltasi ieri presso la terza sezione della Corte d'Assise di Roma, il processo per quei tragici fatti è entrato nella fase conclusiva.
La Corte ha ascoltato inizialmente la deposizione rilasciata dal Professor Pietro Rocchini al quale era stata affidato l'incarico per una perizia psichiatrica sull'indagato. Secondo il perito, Morra è stato valutato quale persona antisociale e alla continua ricerca dell'affermazione della propria volontà, in quanto affetto da un grave disturbo della personalità e una fortissima impulsività.

Il professor Rocchini ha suffragato queste sua valutazioni anche con delle ricerche sul periodo adolescenziale dell'indagato e con l'analisi del suo curriculum professionale sottlineando come in passato gli fosse stata sottratta la pistola d'ordinanza per un certo periodo a causa di alcune psicopatologie che vennero ritenute temporanee.

Dopo la dichiarazione del Dott. Rocchini è stato il turno del pubblico ministero Pantaleo Polifemo che oltre alla pena detentiva ha anche chiesto ulteriori sei anni in un ospedale psichiatrico.

Gli avvocati di paolo Morra , Fabio Federico e Maurizio Marino , non hanno voluto rilasciare dichiarazioni assicurando però che avrebbero parlato il 14 Ottobre in sede d'udienza per l'eventuale sentenza.

fonte notizia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Civitavecchia, Omicidio Diouf : chiesti 14 anni per Morra

RomaToday è in caricamento