Civitavecchia

"R Estate Civitavecchia 2012", Nunzi: "Una riappropriazione che non c'è stata"

Il consigliere comunale della Lista Moscherini critica la decisione del comune di espropriare il produttore Armando Napolitano La Pegna per la realizzazione del cartellone estivo civitavecchiese

"Bene ha fatto l’Udc locale a puntualizzare quanto posto in essere dall’attuale amministrazione circa il contributo Enel per l’organizzazione degli eventi culturali estivi". Ancora un intervento delle Larghe Intese sulla "espropriazione" da parte del Comune del cartellone estivo all'ormai noto Armando Napolitano La Pegna e al suo Civitavecchia In Festival.

Ad intervenire questa volta il consigliere della Lista Moscherini, Mauro Nunzi che parla di una "riappropriazione del contributo" che "non c'è stata".
"Personalmente, per la Pro Loco - spiega Nunzi - mi sarei aspettato molto di più, viste le acclarate capacità professionali e umane. Risulterebbe concretamente che la gestione dei fondi sia invece soltanto passata da “Armando Napolitano La Pegna” a “Claudio Sestili” , peraltro anche impresario di De Gregori, della De Sio e della D’Abbraccio, cioè tutti artisti che fanno parte del cartellone estivo. Alla luce di ciò - aggiunge Nunzi - è certo che il cambiamento, quello in senso positivo e cioè nella direzione della gestione diretta della cultura da parte dell’organo più rappresentativo, il Comune, o di organismi all’uopo deputati per eccellenza, non c’è stato, ma c’è stato sicuramente in senso negativo, in quanto ad un produttore amico di qualcuno se ne è sostituito un altro amico di altri. Che questo sia un bruttissimo cambiamento è evidente. Nel futuro - conclude il consigliere comunale - bisognerebbe crescere, ma non così. Nella direzione giusta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"R Estate Civitavecchia 2012", Nunzi: "Una riappropriazione che non c'è stata"

RomaToday è in caricamento