Civitavecchia

Soldi alla stampa: Moscherini e Sarnella indagati per corruzione

Il sindaco uscente di Civitavecchia Gianni Moscherini e il presidente Sar Hotel Giuseppe Sarnella sarebbero indagati per corruzione al fine di denigrare, in campagna elettorale, l'avversario di centrosinistra Pietro Tidei

L'uscente sindaco di Civitavecchia Gianni Moscherini è stato indagato per corruzione insieme al presidente di Sar Hotel Giuseppe Sarnella. Lo stesso Sarnella che ha annunciato per il prossimo settembre l'avvio dei lavori per la realizzazione del comparto termale civitavecchiese. Lo stesso progetto su cui si basa l'indagine, coordinata dal sostituto procuratore Lorenzo Del Giudice. L'accusa, nei confronti dell'attuale capogruppo Pdl Moscherini, sarebbe quella di aver favorito la concessione dell'appalto alla Sar Hotel in cambio della conduzione di una campagna elettorale denigratoria nei confronti del candidato di centrosinistra Pietro Tidei, oggi Sindaco di Civitavecchia.

Secondo quanto emerso dalle indagini, Moscherini avrebbe chiesto a Sarnella di pagare dei giornalisti professionisti, non di Civitavecchia (con il versamento di 50 mila euro), per mettere in piedi una campagna elettorale dura e denigratoria nei confronti del concorrente. In cambio avrebbe concesso l'appalto dei lavori per la realizzazione del comparto termale.

La Procura a tal proposito avrebbe eseguito delle intercettazioni telefoniche e ambientali, perquisizioni e sequestri di documenti, prelevati dalla sede di Sar Hotel a Roma e dalla G & G H. Hotel sempre a Roma. Tra i documenti portati via dagli uffici la procura avrebbe cercato la prova del ritiro dei 50 mila euro da parte dei giornalisti che da quanto emerso apparterrebbero a un giornale e ad una televisione, ma non della città portuale.

Intanto a difendersi dalle accuse è il capogruppo Pdl Gianni Moscherini: "Non ho mai corrotto nessuno, né mi sono fatto corrompere. Nei 15 anni di attività professionale a Civitavecchia - ha sottolineato Moscherini - ho subito svariate indagini, che sono state tutte puntualmente archiviate o concluso con assoluzione per non aver commesso il fatto". Il sindaco uscente si dice fiducioso nella magistratura e "confido nel fatto che la verità emergerà anche stavolta. Sarnella, peraltro - ha precisato - era il proponente e l'unico partecipante del bando di gara per la realizzazione del grande progetto termale, quindi in quanto tale non si capisce in che modo avrei potuto favorirlo". E per la sua difesa il capogruppo Pdl ha "già nominato due legali, tra cui l'avvocato civitavecchiese Pierluigi Bianchini e mi difenderò - ha concluso - nelle sedi opportune".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soldi alla stampa: Moscherini e Sarnella indagati per corruzione

RomaToday è in caricamento