Civitavecchia Largo Tripoli

Italcementi, 3 mila metri quadri di amianto. Tidei, "deve essere rimosso"

Sopralluogo della Asl Roma F presso la struttura. A richiederne l'intervento il primo cittadino civitavecchiese: "Un atto dovuto ai cittadini. Va subito rimosso"

A Italcementi è arrivata la Asl. A richiedere un sopralluogo presso la struttura è stato il Comune il 4 luglio scorso. Motivo? "Dare seguito - spiegano in una nota da palazzo del Pincio - alle numerose, e giuste, richieste e lamentele presentate da numerosi cittadini, giustamente allarmati dalla situazione di degrado e abbandono della struttura".

Durante il sopralluogo la Asl ha preso nota di ben 22 zone nelle quali insiste materiale contenente amianto per una superficie di oltre 3 mila metri quadri, 2.500 dei quali costituiscono coperture di 4 capannoni e gli ulteriori rimanenti comprendono pareti pluviali, serbatoi e coibentazioni di tubazioni.

"L'italcementi è in stato di dismissione dalla fine del 2009 - continuano a spiegare dal Pincio - e anche se lo stato dei materiali risulta essere in stato discreto, pur con parti danneggiate, e che la misurazione delle polveri nell'aria risulta ben al di sotto della soglia massima dei limiti consentiti per legge, è stato chiesto dalla Asl Roma F alla società titolare, di procedere a ulteriori valutazioni del rischio entro il termine di 30/40 giorni. Va premesso - prosegue il Pincio - che da un rapporto elaborato il 3 maggio 2012 risulta che la società dovrà procedere alla rimozione parziale di gran parte del materiale analizzato".

E il sindaco Pietro Tidei parla della richiesta da parte del Comune di effettuare un sopralluogo a Italcementi, come di "un atto dovuto ai cittadini e, soprattutto, ai residenti nelle immediate vicinanze del cementificio a tutela dell'incolumità loro e di tutti i civitavecchiesi. È infatti scientificamente provato - spiega Tidei - che l'esposizione alle fibre di amianto sono associate a malattie dell'apparato respiratorio. Dimostrata ora la presenza massiccia di amianto nell'area, chiediamo all'Italcementi di procedere immediatamente alla bonifica del cementificio con la rimozione e smaltimento di tutto il materiale contenente amianto così come previsto dalle leggi vigenti. La salute dei cittadini viene prima di ogni cosa e farò del tutto affinché la situazione venga risolta in tempi brevissimi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italcementi, 3 mila metri quadri di amianto. Tidei, "deve essere rimosso"

RomaToday è in caricamento