Sabato, 12 Giugno 2021
Civitavecchia Via Achille Montanucci

L'assessore Galletta minaccia sanzioni ma le discariche abusive non spariscono

Nonostante le ripetute denunce da parte dall'Assessore all'Ambiente e i continui avvertimenti, sempre presenti le discariche abusive in città

A niente è valsa la "minaccia" dell'assessore all'Ambiente Roberta Galletta di far sorvegliare la città agli uomini delle Guardie Zoofile per scovare gli incivili. A niente è valsa la sua "minaccia" di iniziare a comminare delle multe a chi continua a sporcare la città. A niente è valso insomma il suo tentativo di cercare collaborazione da parte dei civitavecchiesi per mantenere pulita e decorosa la città. La stessa città in cui vivono. Gli stessi parchi cittadini che frequentano, che denunciano essere nel degrado e che forse, anzi sicuramente, contribuiscono a mantenere così come si vedono. Sporchi.

E così le discariche abusive in giro per la città continuano a fare capolino. Da via Achille Montanucci a via Galimberti (traversa Bengi e Gatti) a via delle Sterlizie (zona San Gordiano) lo scenario è sempre lo stesso. Cassonetti, pieni o vuoti che siano, e buste di spazzatura (e non solo quelle) sparse qua e là e abbandonate in terra. Forse mancano i controlli, come sostengono alcuni cittadini. Forse andrebbero comminate sanzioni agli indisciplinati.

Ma vero è anche quanto detto dall'assessore all'Ambiente Roberta Galletta proprio lo scorso fine settimana: "Non è vero che gli operai di Città Pulita non puliscono. Sono sempre impegnati a rimuovere discariche abusive. Ma è vero anche che a Civitavecchia c'è chi sporca". I cosiddetti "zozzi". "Non lo sono tutti - aggiunge - ma ci sono. È impossibile che là dove c'era una discarica abusiva (riferendosi a quella nata vicino al centro Anna Magnani) immediatamente rimossa dagli operai di Città Pulita, nemmeno 24 ore dopo c'era chi, con i cassonetti vuoti, preferiva conferire i suoi rifiuti per terra". Atto di inciviltà si potrebbe chiamare. Atto di inciviltà nei confronti di chi lavora. Di chi vive in quelle zone e soprattutto atto di incivilità nei confronti dell'incivile stesso. Perché la città è di tutti. Anche di chi sporca. Ed è di questo che si deve prendere atto. La Città è un bene pubblico. Un bene di tutti. La città prima di tutto è casa. E proprio come la casa di ognuno, va tenuta pulita. Occorre contribuire a mantenere ordine. Come le mamme che contribuiscono al buon andamento della casa e del focolaio domestico, tutti i civitavecchiesi (a Civitavecchia) proprio come tutti i cittadini di ogni città o paese esistente in Italia, sono delle "mamme", dal più grande al più piccolo dei "figli civitavecchiesi", che deve contribuire al buon andamento delle cose. Della cosa pubblica. A partire dalla pulizia. Senza scaricare responsabilità gli uni sugli altri. Tutti siamo responsabili del buon andamento di casa nostra.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'assessore Galletta minaccia sanzioni ma le discariche abusive non spariscono

RomaToday è in caricamento