Martedì, 15 Giugno 2021
Civitavecchia

Pendolari, il "caldo" viaggio sul Nuovo Vivalto

A mietere "vittime" c'ha pensato Scipione. Aria condizionata guasta sul nuovo Vivalto

Pendolari nella morsa di Scipione. Si pensava che oggi sarebbe stato il classico venerdì nero dovuto dallo sciopero dei mezzi ferrati. E invece a creare disagi, causando anche malori, è stato il caldo insopportabile e l'aria condizionata guasta.

Due fattori, che su un qualsiasi treno delle Fr5 non avrebbe stupito. A fare la differenza però è il che il treno di cui parlano i pendolari è il Nuovo Vivalto, da poco battezzato dall'assessore regionale alla Mobilità e Trasporti Francesco Lollobrigida.

"Dopo un non breve periodo di rodaggio - racconta Rosario Sasso - il treno è in servizio con non poche problematiche. Dalle porte guaste all'impianto di condizionamento fuori uso. Ma come. Non si trattava - si chiede ironicamente - di un treno nuovo di zecca pagato profumatamente con soldi pubblici? Il nuovo Vivalto che ho avuto l'onore di sperimentare è stata una completa delusione, tutti i finestrini erano aperti ed entrava aria Saharian. Questo - aggiunge Rosario Sasso - è solo un episodio dei tanti a cui siamo ormai abituati. Treni che "scompaiono", nel senso che vengono eliminate alcune corse "superflue" consolidate da anni, treni "accorciati" nel senso che da qualche mese i convogli sono stati ristretti, quattro carrozze anziché 5, causa di una probabile manutenzione. Insomma - prosegue il pendolare della Fr5 - la situazione era grave ultimamente e pensavamo, sbagliando, che peggio di così era impossibile fare. Invece, come dice il proverbio: al peggio non c'è mai fine".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pendolari, il "caldo" viaggio sul Nuovo Vivalto

RomaToday è in caricamento