Domenica, 20 Giugno 2021
Civitavecchia Via Terme di Traiano, 56

Tribunale di Civitavecchia, "Possibile chiusura? Un colpo durissimo alla Giustizia"

L'associazione "Antonino Caponnetto" interviene a proposito della possibile decisione del Governo di chiudere i Tribunali dei capoluoghi di Provincia, sostenendo la protesta dell'Ordine degli Avvocati

L'Associazione Regionale del Lazio per la lotta contro le illegalità e le mafie “Antonino Caponnetto" interviene in merito alla notizia che già da qualche tempo preoccupa il territorio: la chiusura del Tribunale di Civitavecchia. Questo perché le misure anticrisi del Governo, comprenderebbero anche la soppressione dei Tribunali nei capoluoghi di Provincia. Ricordiamo che il Tribunale di Civitavecchia si occupa di tutte le vicende giudiziarie, non solo della città, ma anche quelle del comune di Roma. "La notizia è di quelle che fanno venire i brividi - afferma l'associazione - Tribunali come quelli di Civitavecchia, Velletri, Tivoli, Cassino, Gaeta ecc., per parlare del solo Lazio, verrebbero così  chiusi. Un colpo durissimo al sistema Giustizia in una regione, qual è appunto il Lazio, invasa da criminali e mafiosi.

Un primo allarme, condiviso anche dalla nostra Associazione, è stato lanciato dall’Ordine degli Avvocati di Civitavecchia, i quali già hanno minacciato di occupare, qualora la notizia trovasse conferma, i locali di quel Tribunale.

Nell’associarci alla protesta, invitiamo il premier Monti e tutto il Consiglio dei Ministri a non dare corpo a questa decisione dissennata che oltre a rappresentare un grave danno al tessuto amministrativo, sociale ed economico della città, costituirebbe anche una grave lesione dei diritti dei cittadini ed un ulteriore ostacolo alla lotta per il contrasto alle illegalità e alla criminalità organizzata.

Siamo pronti, per impedire il concretizzarsi di una tale sconsiderata scelta, a dar vita a manifestazioni eclatanti, non escluso uno sciopero della fame.

I nostri iscritti e simpatizzanti di tutta la Regione si mobiliteranno per far sentire la nostra voce di profondo dissenso nei confronti di un atto scriteriato che finirebbe di distruggere la già provata Giustizia italiana.

Non tocchino Giustizia e forze dell’ordine, ad evitare una nostra rivolta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tribunale di Civitavecchia, "Possibile chiusura? Un colpo durissimo alla Giustizia"

RomaToday è in caricamento