Civitavecchia

Bilancio consuntivo 2011 e diretta streaming, consiglio comunale di fuoco

Tra i banchi della Pucci animi accesi. Parole grosse tra i consiglieri comunali. Sfiorata la rissa. Tutto durante la diretta streaming del consiglio comunale

Anziché un'aula consiliare quella di questa mattina potrebbe essere definita un vero e propri ring, dove c'è mancato poco che anziché parole pesanti, volasse altro.

Umori tesi già dal primo punto all'ordine del giorno. Anzi no. Dalla prima precisazione del presidente del consiglio comunale, Marco Piendibene. Tema: la diretta streaming tanto discussa in questi giorni. Nodo della questione, la legalità delle riprese, secondo il capogruppo Pdl Sandro De Paolis non regolamentate da nessun atto. Secondo il consigliere Fabrizio Lungarini legali. A sciogliere il nodo il presidente della massima assise cittadina: "Le riprese del consiglio sono legali anche perché autorizzate da me. E poi, si tratta di consigli comunali a cui tutti possono assistere". Non si vede perché chi resta a casa non potrebbe comunque informarsi sullo svolgimento del consiglio comunale. "In secondo luogo le riprese avvengono rispettando le norme sulla privacy riprendendo solo i consiglieri, personaggi pubblici e non il pubblico".

Ad accendere i toni della protesta il diniego da parte di Piendibene di cedere la parola al consigliere Pdl Dimitri Vitali sull'argomento "non oggetto di dabittito". Ma il consigliere, alzando la voce, ha comunque detto la sua. Trovando l'accordo anche del vice sindaco Enrico Luciani. "La chat dello streaming ha arrecato danni ai consiglieri - spiega Vitali - non sono stati risparmiati insulti ai consiglieri di maggioranza e opposizione né alle loro famiglie".

Il carico da 90 è poi arrivato dal consigliere "collega di partito" del presidente Piendibene. Mauro Guerrini ha accusato infatti la presidenza del Consiglio di "lesa democrazia" a causa del secco "no" di Piendibene, durante lo svolgimento dell'ultimo consiglio comunale, di affiancare all'ordine del giorno presentato dalla maggioranza sulla questione sanità, un emendamento. Motivo? "La discussione è chiusa". Ossia: Troppo tardi per metterlo agli atti.

E per sedare gli animi c'è voluta una sospensione del consiglio comunale, ripresa poi con la discussione e approvazione alla fine all'unanimità del bilancio consuntivo 2011. Anche qui non sono mancati i botta e risposta tra maggioranza e opposizione. In particolar modo tra il sindaco Pietro Tidei che ha ancora una volta additato l'ex sindaco uscente e i suoi consiglieri, all'epoca di maggioranza, della disastrosa situazione trovata al comune e nelle partecipate, e il sindaco uscente Gianni Moscherini che ha puntato i riflettori soprattutto sugli Swap, accesi proprio da chi oggi è stato chiamato dal Sindaco a gestire le finanze di palazzo del Pincio e che porteranno il Comune a pagare entro il 2024, 30 milioni di euro per 19 milioni di euro presi in prestito. Tutto a partire da quest'anno.

E le parole grosse sono volate tra i banchi della Pucci fin quando gli animi ancora una volta si sono surriscaldati. Tanto che c'è mancato veramente poco che scoppiasse la rissa tra il vice sindaco Enrico Luciani e il consigliere Pdl Dimitri Vitali intervenuto nella polemica già molto accesa tra il vice sindaco e l'ex Sindaco. Tutto sotto gli occhi attenti dei cittadini presenti in aula e di quanti hanno deciso di sfruttare il contestato servizio streaming per assistere alla massima assise cittadina da casa o da lavoro. Tanto da portare alla fine, una volta placati gli animi, a chiedere scusa per gli atteggiamenti poco "eleganti" di chi dovrebbe rappresentare solo ed esclusivamente gli interessi della città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio consuntivo 2011 e diretta streaming, consiglio comunale di fuoco

RomaToday è in caricamento