Giovedì, 17 Giugno 2021
Civitavecchia

Bilancio 2012, convocato il consiglio comunale dal 27 al 29 giugno

I consiglieri della massima assise cittadina nella tre giorni dedicata al consiglio dibatteranno sullo scottante tema del bilancio di previsione 2012

Consiglieri comunali chiamati a raccolta dal 27 giugno al 29 giugno. Obiettivo: illustrare, discutere e alla fine approvare (si spera) il bilancio di previsione 2012.

A convocare la massima assise cittadina ci ha pensato lo stesso presidente Marco Piendibene. Prevista il 27 giugno la riunione straordinaria dedicata a provvedimenti di natura sociale e al documento sui criteri di nomina negli enti collegati al Comune, un adempimento che la legge colloca entro i 45 giorni dall'insediamento del nuovo Sindaco.

Fari puntati su giovedì, quando l'assessore al bilancio Giorgio Venanzi illustrerà il bilancio di previsione 2012. A seguire il dibattito che si concluderà entro il giorno successivo.

"Prevale l'esigenza di dotare subito l'amministrazione dello strumento di programmazione economica - spiega il presidente Piendibene - che le consenta di operare nel pieno dei suoi poteri e sulle linee di programma votate dai cittadini nelle trascorse elezioni. Altrimenti il Comune avrebbe avuto le mani legate, non potendo che ripetere mese per mese le spese del 2011 fino a settembre. A quel punto - prosegue Piendibene - sarebbe rimasto pochissimo tempo per cominciare a lavorare secondo il programma votato dagli elettori. Molto meglio quindi rispettare i tempi originali ed è questo che ci ripromettiamo. Tutta la seconda parte dell'anno - ha aggiunto - vedrà quindi impegnati i consiglieri comunali in commissione e in Aula sui programmi della nuova amministrazione, nel reciproco rispetto tra maggioranza e opposizione, e siamo sin d'ora disponibile a recepire qualsiasi suggerimento o critica che entro nel merito delle questioni. L'importante è che si inizi a fare sun serio". Ed è proprio in questo senso che Piendibene applaude alla presenza del consigliere Ballarati in Conferenza dei Capigruppo come rappresentante di Città Nuove. Un segnale "di serietà ancor prima che di distensione - ha spiegato Piendibene - un'opposizione aventiniana non avrebbe senso e soprattutto dimostrerebbe una difficoltà inspiegabile ad accettare la sconfitta che è nelle normali regole della democrazia e dell'alternanza alla stregua della stessa vittoria".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio 2012, convocato il consiglio comunale dal 27 al 29 giugno

RomaToday è in caricamento