CivitavecchiaToday

Giunto il secondo gruppo al centro dell'ex Caserma De Carolis

Il più della metà sono donne. L'Assessore Pierfederici: "Presenti anche bambini, perciò salto di qualità nell'erogazione dei servizi"

Sono giunti ieri sera a Civitavecchia altri 136 immigrati, richiedenti asilo, provenienti dal Centro “Cara” di Agrigento. Si tratta di cittadini provenienti da vari paesi dell’Africa sub-sahariana, sbarcati a Lampedusa e arrivati a Civitavecchia in attesa di essere trasferiti alle destinazioni finali del loro percorso di richiedenti asilo. Novità assoluta per il Centro allestito nella ex Caserma De Carolis, tra loro ci sono anche donne, per la precisione 69, mentre 67 sono gli uomini. Nove invece i minori, comunque tutti accompagnati, quindi senza esigenza di essere seguiti dai Servizi Sociali.

Ai nuovi ospiti è stata assegnata un’ala della De Carolis, all’interno della quale i nuclei familiari alloggiano adeguatamente separati gli uni dagli altri. L’edificio interessato è stato oggetto di lavori e migliorie nei giorni scorsi, eseguiti a cura del Comune di Civitavecchia. L’approntamento delle stanze è stato invece curato dal Nucleo di Protezione Civile comunale. La società cooperativa Domus Caritatis sta assicurando, come già avviene per gli ospiti del primo gruppo arrivati la scorsa settimana, assistenza legale e medica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto si è più volte recato l’Assessore con delega alla Protezione Civile, Andrea Pierfederici. “I nuovi arrivati – spiega – sono in buone condizioni generali. Abbiamo individuato tre donne incinte, che saranno quindi seguite con particolare attenzione dall’organizzazione. Proprio la presenza di nuclei familiari completi, con bambini in alcuni casi molto piccoli, rappresenta una novità e quindi ha imposto un salto di qualità nell’erogazione dei servizi. Anche per tutti costoro, come già avviene per il primo gruppo composto principalmente da cittadini pakistani, c’è libertà di movimento in entrata e in uscita dal campo. Questo secondo gruppo è composto principalmente da nigeriani, con numerose presenze però anche da altri paesi quali Burkina Faso, Congo, Eritrea, Ghana, Mali, Somalia e Sudan”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento