CivitavecchiaToday

Giunto il secondo gruppo al centro dell'ex Caserma De Carolis

Il più della metà sono donne. L'Assessore Pierfederici: "Presenti anche bambini, perciò salto di qualità nell'erogazione dei servizi"

Sono giunti ieri sera a Civitavecchia altri 136 immigrati, richiedenti asilo, provenienti dal Centro “Cara” di Agrigento. Si tratta di cittadini provenienti da vari paesi dell’Africa sub-sahariana, sbarcati a Lampedusa e arrivati a Civitavecchia in attesa di essere trasferiti alle destinazioni finali del loro percorso di richiedenti asilo. Novità assoluta per il Centro allestito nella ex Caserma De Carolis, tra loro ci sono anche donne, per la precisione 69, mentre 67 sono gli uomini. Nove invece i minori, comunque tutti accompagnati, quindi senza esigenza di essere seguiti dai Servizi Sociali.

Ai nuovi ospiti è stata assegnata un’ala della De Carolis, all’interno della quale i nuclei familiari alloggiano adeguatamente separati gli uni dagli altri. L’edificio interessato è stato oggetto di lavori e migliorie nei giorni scorsi, eseguiti a cura del Comune di Civitavecchia. L’approntamento delle stanze è stato invece curato dal Nucleo di Protezione Civile comunale. La società cooperativa Domus Caritatis sta assicurando, come già avviene per gli ospiti del primo gruppo arrivati la scorsa settimana, assistenza legale e medica.

Sul posto si è più volte recato l’Assessore con delega alla Protezione Civile, Andrea Pierfederici. “I nuovi arrivati – spiega – sono in buone condizioni generali. Abbiamo individuato tre donne incinte, che saranno quindi seguite con particolare attenzione dall’organizzazione. Proprio la presenza di nuclei familiari completi, con bambini in alcuni casi molto piccoli, rappresenta una novità e quindi ha imposto un salto di qualità nell’erogazione dei servizi. Anche per tutti costoro, come già avviene per il primo gruppo composto principalmente da cittadini pakistani, c’è libertà di movimento in entrata e in uscita dal campo. Questo secondo gruppo è composto principalmente da nigeriani, con numerose presenze però anche da altri paesi quali Burkina Faso, Congo, Eritrea, Ghana, Mali, Somalia e Sudan”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Coronavirus, a Roma 1306 nuovi casi. D'Amato condanna: "Assurde le scene viste nei centri commerciali"

Torna su
RomaToday è in caricamento