Trastevere Trastevere

Trastevere: da casa al commissariato con lo scooter rubato, arrestato

Un 41enne, già condannato per rapina e sottoposto all'obbligo di firma, raggiungeva il commissariato con uno scooter rubato. Denunciato per il reato di ricettazione

Sottoposto all’obbligo di firma presso il Commissariato Monteverde in quanto condannato per rapina, sulla via che da casa conduce al commissariato era caduto di nuovo in "tentazione". L.F., 41enne romano pluripregiudicato, ha trascorso così il Natale nel carcere di Rebibbia: munito di chiavi false e spadino, aveva forzato il blocco dell’accensione di uno scooter parcheggiato in strada. A bordo del motociclo si è poi diretto presso gli uffici della Polizia per ottemperare agli obblighi disposti dal gip.

Al momento di andarsene, ha però destato i sospetti dell’agente del corpo di guardia. Il poliziotto, infatti, lo ha notato uscire con aria sospetta per poi dirigersi spedito verso lo scooter lasciato incustodito, privo di qualsiasi antifurto, piuttosto distante dall’ingresso del commissariato. L’agente ha così deciso di controllare bene la targa: dall’esame del terminale, è emerso che per quello scooter era stata formalizzata una denuncia di furto nella zona di Trastevere. Immediatamente bloccato dal poliziotto, L.F. ha ammesso le proprie responsabilità. Denunciato pertanto per il reato di ricettazione, nei suoi confronti gli investigatori del Commissariato hanno richiesto all’autorità giudiziaria l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trastevere: da casa al commissariato con lo scooter rubato, arrestato

RomaToday è in caricamento