Martedì, 22 Giugno 2021
Testaccio Testaccio / Via di Monte Testaccio

Testaccio: scoperto deposito di rame rubato, trovata più di una tonnellata

Quattro le denunce per ricettazione. Nella loro abitazione in via di Monte Testaccio nascondevano una tonnellata e mezza di cavi in rame sottratti alle ferrovie

Ben 1.500 Kg di cavi in rame diligentemente tagliati in sezioni di 2 metri ciascuno, del genere utilizzato per la cablatura delle linee ferroviarie nazionali. È quanto i Carabinieri della Stazione Roma Aventino hanno trovato in un appartamento di via Monte Testaccio, una vecchia rimessa di una falegnameria riqualificata in abitazione, dov’erano domiciliate quattro persone, due italiani e due cittadini romeni di età compresa tra i 23 ed i 68 anni, ora accusati di ricettazione.

Nelle vicinanze del ricco carico di “oro rosso”, i Carabinieri hanno rinvenuto un bidone contenente una vasta gamma di attrezzi, tra quelli utilizzati per estrarre le bobine dalle loro sedi naturali a quelli adoperati per togliere la guaina in gomma che ricopre i filamenti di rame, e circa 30 kg di cavi già “lavorati”. Interrogati circa la provenienza della mega-matassa di rame, i quattro coinquilini non hanno saputo fornire delle valide argomentazioni, motivo per cui è scattata la denuncia a piede libero.

Il rame è stato interamente recuperato e affidato in custodia a un deposito giudiziale della Capitale. Gli accertamenti dei Carabinieri proseguiranno per individuare il punto, o i punti, in cui il rame è stato rubato e per verificare se i quattro denunciati si siano avvalsi della complicità di altre persone.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Testaccio: scoperto deposito di rame rubato, trovata più di una tonnellata

RomaToday è in caricamento