Martedì, 23 Luglio 2024
Testaccio Testaccio / Piazza Testaccio

Una pista del ghiaccio nel cuore di Testaccio. Insorgono i residenti

Centinaia di abitanti stanno contestando l'arrivo della pista in piazza Testaccio. Proposte al municipio soluzioni alternative

Niente pista del ghiaccio nella piazza che prende il nome del quartiere. Tra i residenti di Testaccio sta montando la protesta per l’iniziativa di installare un impianto per il pattinaggio nel cuore del rione.

La proposta della pista di pattinaggio

La richiesta di effettuare la manifestazione è stata già presentata al municipio I che, attraverso una direttiva di giunta, ha dato mandato agli uffici di “verificare la proposta progettuale presentata da Ice Park Asd”. L’associazione sportiva dilettantistica ha chiesto di realizzare la manifestazione, che prevede l’installazione di “tende, gazebi prefabbricati e tendoni” nel periodo che va dal 24 novembre al 7 gennaio. L’area verrebbe “debitamente recintata, separata e protetta”. La pista invece, si legge nella relazione tecnica presentata al municipio, sarebbe di dimensioni di 25 metri per 25 metri, ma complessivamente  tutta l’attività, da sviluppare intorno alla fontana principale, andrebbe ad occupare complessivamente 672,15 mq.

Testaccio: il quartiere operaio diventato village, in bilico tra tovagliette, vip e PNRR 

I risvolti sociali della manifestazione sportiva

Il municipio ha preso in considerazione la richiesta, si legge sempre nella memoria di giunta firmata lo scorso 20 ottobre dalla presidente Lorenza Bonaccorsi, con l’idea di favorire “l’inclusione sociale”. La proposta prevede infatti la possibilità di coinvolgere, gratuitamente, le scuole del territorio, gli ospiti della case famiglia e prevede, inoltre, la gratuità dell’utilizzo per quanti già posseggono dei propri pattini.

La Testaccio che resiste. Chi sono i nuovi poveri dell'ex quartiere operaio 

Le proteste dei residenti

Contro l’idea d’installare una pista di pattinaggio in mezzo al quartiere, si sono già schierati centinaia di cittadini. Sono al momento quasi 150 solo quelli che hanno firmato, in due giorni, la petizione lanciata dal “Comitato rione Testaccio”. “Questo progetto terrebbe occupata una piazza storica, circondata da abitazioni, con una pista, gazebo e tendoni che hanno un forte impatto ambientale e acustico dalle 10 alle 24 per un mese e mezzo” si legge nel testo pubblicato su piattaforma change.org. Quello che preoccupa maggiormente i residenti è il rumore che per 14 ore al giorno verrebbe amplificato dalle attività legate alla pista di pattinaggio. Motivo per cui è stato chiesto al municipio I di “riconsiderare questa proposta ed evitare la realizzazione dell'Ice Park a Piazza Testaccio dal 24 novembre al 7 gennaio dalle ore 10 alle ore 24”.

Contro la decisione di far svolgere la manifestazione in piazza Testaccio si sono schierati anche i consiglieri pentastellati. Linda Meleo e Federica Festa, rispettivamente capogruppo in Campidoglio ed in municipio I, hanno definito “folle la proposta del Pd” di realizzare una pista di pattinaggio in quella sede. Perché “una  piazza storica circondata da case, con al centro una fontana da poco restaurata, si ritroverà costretta a ospitare un’immensa pista a pagamento. Ciò in barba all’impatto ambientale,  all’inquinamento acustico e al decoro di una piazza tutelata, che i testaccini amano perché libera e nata da un percorso partecipato”.

Localizzazioni alternative

A poco più di tre settimane dall’installazione della pista di pattinaggio, quindi, viene chiesto al municipio un ripensamento, almeno finalizzato a trovare una niova localizzazione. Dove? “Le associazioni hanno già lanciato delle petizioni per bloccare immediatamente il progetto e spostarlo in un altro sito più idoneo, come il Mattatoio o il Parco della Resistenza”. Lontano, quindi, dalle abitazioni di chi vive nel quartiere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una pista del ghiaccio nel cuore di Testaccio. Insorgono i residenti
RomaToday è in caricamento