Venerdì, 30 Luglio 2021
Testaccio Testaccio / Via Nicola Zabaglia

Testaccio, i cassonetti nell'androne provocano cattivi odori: è protesta

La raccolta dell'umido ogni due giorni fa sì che gli androni si riempiano dei miasmi dei rifiuti. I cittadini dicono sì alla differenziata, ma chiedono all'Ama uno sforzo in più. E mentre c'è chi differenzia, nel mercato rionale del quartiere...

"Una cosa buona la raccolta porta a porta ma si deve cambiare il sistema", dice nonna Flavia, massaia residente al Testaccio, in via Ginori. Dopo l'introduzione del metodo adottato anche negli "States", da tempo ormai a Testaccio tra i cittadini serpeggiano parecchi malumori, sopratutto per quello che concerne la raccolta dell'umido.

"Andate a vedere in via Zabaglia. Lì sono 22 famiglie e il pattume con questo caldo puzza", la signora da vera romana doc ha continuato "raccolto a giorni alterni diventa insostenibile, sui pianerottoli viaggiamo in apnea".

"Prima ci svegliavavamo con l'odore del caffè, del pane ancora caldo", dice in romanesco Pietro esercente della zona. "Adesso quando mi sveglio sento la puzza di quello che il palazzo ha mangiato". Sembra un problema condiviso da molti. Dello stesso avviso anche un barista: "La raccolta dell'umido è giusta, ma o mettono il cassone fuori o fanno come al nord, li interrino".

La situazione non è passata inosservata alla politica. Yuri Trombetti, assessore ai Lavori Pubblici del I Municipio dell'Udc si sta muovendo per far raddoppiare la raccolta e protesta per le scelte del Comune di alzare la tassa dei rifiuti pur perpetuando il disagio.

IL PARADOSSO - Raccolta porta a porta, plastica nella cassone blu, carta in quello bianco, sacchetti appositi per appositi cassonetti e lì a due metri sotto gli occhi dei Vigili lo scarico del Mercato di Testaccio è tutto meno che differenziato, come testimoniano le immagini scattate sul posto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Testaccio, i cassonetti nell'androne provocano cattivi odori: è protesta

RomaToday è in caricamento