Venerdì, 12 Luglio 2024
Testaccio Testaccio / Largo Dino Frisullo

Gualtieri trasforma l'ex Mattatoio: a Testaccio nascerà la "Città delle arti"

Sono già partiti i lavori per restauro e sistemazione dei ex due fienili e delle stalle

L’ex Mattatoio, il complesso progettato da Gioacchino Ersoch alla fine del XIX secolo, si avvia a cambiare pelle. Lo scorso 20 ottobre l’assemblea capitolina ha infatti approvato la concessione ventennale di altri 40 ettari all’Accademia delle Belle Arti. Così facendo la struttura si avvia a completare quell’opera di rigenerazione urbana destinata a trasformare il sito in una “Città delle arti”.

Da Mattatoio a “Città delle arti”

I cantieri, già partiti per il restauro e la sistemazione di due ex fienili e delle stalle, sono stati visitati nella mattinata del 16 novembre da una delegazione composta dal Sindaco, dall’assessore capitolino al patrimonio Tobia Zevi e dal presidente della commissione patrimonio Yuri Trombetti.  “La concessione all’Accademia di Belle Arti di importanti spazi dell’ex Mattatoio di Testaccio per attività di alta formazione artistica e culturale è un tassello fondamentale del progetto che vedrà nascere in questo luogo storico per Roma una vera 'Città delle arti', dove creatività, innovazione, arte e cultura si intrecceranno nel segno della partecipazione e dell’inclusione” ha commentato Gualtieri.

Un cambiamento partito da lontano

L’Accademia delle Belle Arti già dal 2011 è ospite all’interno del complesso progettato de Ersoch. Dieci anni fa aveva infatti trasformato due ex recinti in aule per i propri studenti. Ora, grazie alle ultime concessioni di Roma Capitale, oltre a quegli spazi ha ottenuto anche i fienili e le stalle. E, non meno importante, ha ricevuto in concessione anche il Panottico. Si tratta dell’edificio ottagonale che in passato veniva impiegato come centrale di controllo del mattatoio a cui verrà assegnato il compito di serbare la memoria di quegli spazi. Ma anche di fornire informazioni sul futuro della nuova città delle arti.

Come rinasce l'ex Mattatoio: il progetto

Uno dei più grandi progetti di recupero

Il completamento dei lavori in corso, consentirà di portare a termine la realizzazione di un polo contemporaneo di vita civile, costituito, oltre che dall’Accademia, da ambienti espositivi dell’azienda speciale Palaexpo, dalla facoltà di Architettura Roma Tre, dalla Città dell’Altra Economia, dalla scuola popolare di musica di Testaccio. “Passo dopo passo, con un bel lavoro di squadra – ha aggiunto Gualtieri - stiamo restituendo questi luoghi alla città con una grande opera di rigenerazione urbana, uno dei più grandi progetti di recupero attualmente in atto nella Capitale, per creare un polo delle arti e della cultura aperto a tutte e a tutti” .

La repubblica delle arti ed il Panottico

Più che a una Città delle arti, penso - parafrasando Platone - a questo luogo come a una Repubblica delle arti, un modello di comunità regolato dal sapere, dalla ricerca e dalla sensibilità creativa – ha commentato Cecilia Casorati, la direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Roma -  Il Panottico può, in questo senso, diventare l’emblema dell’Ex-Mattatoio, il centro che raccoglie lo spirito del presente e la memoria di questo luogo in cui per decenni si è lavorato per fornire nutrimento alla gente. La trasformazione è proprio questa: il nutrimento cambia e diventa cibo per la mente e investimento per un futuro migliore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gualtieri trasforma l'ex Mattatoio: a Testaccio nascerà la "Città delle arti"
RomaToday è in caricamento