CentroToday

Via Sicilia, dopo l'evacuazione stanze buie e case vuote: ora una riunione per il "puntellamento" del palazzo

Tra i nuclei familiari evacuati dalla palazzina di via Sicilia 186 anche due 90enni. Attesa per gli interventi di consolidamento: serviranno settimane prima che lo stabile torni agibile

Le crepe sospette che hanno fatto scattare l’allarme, la chiamata ai vigili del fuoco e le sirene che hanno squarciato il silenzio del quartiere Ludovisi in quella che doveva essere una tranquilla giornata prefestiva nella vigilia dell’Epifania. 

Evacuato palazzo “pericolante” in via Sicilia

Per un palazzo storico di via Sicilia è invece scattata l’evacuazione: lo stabile privato della metà degli anni ‘20 era “pericolante” così, "dopo un'attenta valutazione", i vigili del fuoco hanno deciso in "via cautelativa" di far evacuare i cinque piani del civico 186. I tecnici hanno riscontrato un "evidente stato di deterioramento del materiale cementizio e dei ferri longitudinali dei pilastri portanti". 

Dieci famiglie del rione Ludovisi fuori casa: tra loro anche due 90enni

Fuori di casa dieci famiglie, tra loro anche due signore 90enni. Soltanto una ragazza statunitense, inquilina in uno degli appartamenti dello stabile, ha usufruito dell’alloggio in un hotel di via Marsala messo a disposizione dalla Protezione Civile; gli altri hanno trovato ospitalità da amici e parenti. Rimarranno lontani dalla loro abitazione nel palazzo di via Sicilia ancora per un bel po’. 

“Stiamo sollecitando la Commissione Stabili Pericolanti affinchè si riunisca e intervenga nel più breve tempo possibile” - ha detto a RomaToday l’assessore al Patrimonio del I Municipio, Giovanni Figà Talamanca. I tecnici dovranno infatti valutare il danno e individuare gli interventi di ripristino e consolidamento necessari affinchè la palazzina torni pienamente agibile. 

Famiglie evacuate a via Sicilia: palazzo “inagibile”

“Il condominio già oggi si riunirà per decidere i primi provvedimenti per la messa in sicurezza dello stabile. Credo che prima si provvederà ad un puntellamento che possa garantire la staticità dell’edificio e renderlo nuovamente agibile. Per il rientro delle famiglie - la previsione dell’assessore del Roma Centro - in questo caso bisognerà attendere qualche settimana”. Almeno sei mesi per l’intervento più complesso. “Noi come Municipio continuiamo a lavorare fornendo sia tutta la documentazione tecnica utile a risolvere la questione nel minor tempo possibile e in modo efficace, sia il supporto alle famiglie evacuate con particolare attenzione alle persone più fragili”. In via Sicilia 186 stanze buie e case vuote, in attesa del consolidamento del palazzo. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Zona arancione, oggi si decide per Roma e il Lazio: i romani dovranno abituarsi a nuove regole

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento