Esquilino Esquilino / Piazza di Santa Maria Maggiore

Santa Maria Maggiore: festa Madonna della neve rinviata per furto

Sparisce il camion con le attrezzature necessarie alle celebrazioni di oggi e stasera sul colle Esquilino. L'evento che attira migliaia di romani e turisti posticipato a ferragosto

Rinviata per furto. La Festa della Madonna della neve prevista per la giornata di oggi in piazza Santa Maria Maggiore è stata rinviata al prossimo 15 agosto. Alla base del posticipo il furto, qualche giorno fa, del camion con le attrezzature necessarie allo svolgimento dell'evento. L'architetto Cesare Esposito, promotore dell'iniziativa, ha rivolto un appello al sindaco di Roma al fine "di risanare - ha precisato - il danno recatomi e mi rivolgo a lui perché si possa realizzare a Ferragosto l'evento che non è stato realizzato oggi".

POSTICIPATA A FERRAGOSTO - Appello lanciato dai promotori delle celebrazioni del colle Esquilino che viene accolto dal sindaco di Roma Gianni Alemanno: "Non posso che accogliere l'appello lanciato dall'architetto Cesare Esposito. Dopo l'increscioso furto che ha causato il rinvio della Festa della Madonna della Neve prevista per stasera, ovviamente da parte del Campidoglio ci sarà la massima disponibilità e collaborazione affinché l'evento possa svolgersi il prossimo 15 agosto. Si tratta di una manifestazione che è entrata a far parte della tradizione della città e a cui tantissimi romani sono legati".

NEVE A ROMA AD AGOSTO - Festa della Madonna della Neve che si festeggia a Roma il 5 agosto sul Colle Esquilino dove Papa Liberio fece costruire la basilica di Santa Maria Maggiore nel III Secolo dopo Cristo. Leggenda narrata dai lontani autori cristiani, si legge su wikipedia, secondo la quale un patrizio romano chiamato Giovanni e sua moglie, non potendo avere figli, decisero di donare tutti i loro averi per edificare una chiesa dedicata alla Vergine Maria. Secondo il racconto nella notte tra il 4 ed il 5 agosto del 352 d.C. la stessa Madonna apparve in sogno sia alla coppia che a Papa Liberio, chiedendo loro di costruire una basilica nel luogo dove il mattino seguente avessero trovato della neve fresca. Il Pontefice e la coppia di patrizi romani si recarono quindi la mattina seguente sul colle Esquilino, dove sorge l'attuale basilica di Santa Maria Maggiore, trovando la zona sotto una fitta coltre di neve nonostante fosse piena estate e facesse molto caldo. Sempre secondo la storia, la basilica sarebbe stata finanziata dal patrizio stesso e prese il nome di Basilica di Santa Maria della Neve (o Basilica Liberiana dal nome del Papa, popolarmente ad Nives). Miracolo che viene revocato a Roma ogni 5 di agosto con una nevicata artificiale accompagnata da giochi di luci ed ombre, gli stessi rubati nel camion e in relazioni ai quali la nevicata verrà posticipata al prossimo 15 agosto.
 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santa Maria Maggiore: festa Madonna della neve rinviata per furto

RomaToday è in caricamento