Esquilino Centro Storico / Via dei Fori Imperiali

Fori pedonali, il Campidoglio ai commercianti infuriati: "A settembre un confronto"

L'assessore alle Attività Produttive, Marta Leonori, apre ai negozianti, sul piede di guerra per la nuova viabilità su via Labicana e via Merulana. Per settembre hanno annunciato una serrata di protesta con blocco del traffico

"Incontreremo commercianti e residenti per dialogare e confrontarsi". L'assessore capitolino alla Roma Produttiva, Marta Leonori, commenta la possibile serrata dei negozianti delle aree limitrofe a via dei Fori Imperiali, chiusa al traffico privato da sabato 3 agosto (LA FESTA). Di ieri l'annuncio della protesta in programma per settembre: "Chiuderemo gli esercizi e bloccheremo il traffico su via Merulana". Lapidari e sul piede di guerra nel primo lunedì della 'rivoluzione' finita sulle pagine dei giornali di tutto il mondo. Le ragioni del dissenso sono chiare da settimane: senza posti auto su via Labicana e via Merulana i clienti non si fermano a fare acquisti. Detto questo da Palazzo Senatorio si apre al chiarimento e al confronto. A settembre.  

"In quell'occasione - continua Leonaori - faremo un bilancio e analizzeremo le eventuali criticità emerse. La chiusura al traffico di via dei Fori Imperiali e la valorizzazione dell'area archeologica più importante del mondo è un progetto ambizioso e rivoluzionario nel quale l'amministrazione capitolina ha voluto coinvolgere sin dal primo momento cittadini e associazioni. Un metodo, quello della partecipazione, che contraddistingue l'operato di questa giunta e che continueremo ad utilizzare così come fatto dal primo giorno di insediamento".

E intanto il primo giorno di sperimentazione è andato, tra sfuriate degli automobilisti al volante e valutazioni tecnico istituzionali tutto sommato buone. I romani erano più che spaesati e la segnalatica era tutto fuorché chiara. Cartelli confusi, vigili che chiudono un occhio, e motorino che si infilavano un pò dappertutto. 

Mentre i turisti che passeggiano all'ombra del Colosseo, respirano già meno smog. "E' un'idea bellissima, si doveva fare già da tempo" commentano in molti mentre si riparano dal solleone sotto ombrellini e cappelli. Ma, come già detto, i cittadini che la vivono con i mezzi non ci capiscono granché.

"E' incredibile che venendo da via Nazionale e percorrendo via dei Serpenti poi non si possa andare dritto verso il Colosseo ed imboccare via degli Annibaldi - si lamenta un romano al volante - Ci fanno fare un giro immenso su via Cavour". "A largo Corrado Ricci ancora c'è il vecchio segnale di obbligo di svolta a sinistra per via dei Fori Imperiali - sottolinea un passante - E' ovvio che la gente non sa cosa fare". 

Buona la prima invece per la presidente del I municipio, Sabrina Alfonsi, e dell'assessore municipale alla Mobilità, Anna Vincenzoni. “Bilancio positivo per l’assetto della nuova viabilità nell’area dei Fori. Sicuramente da migliorare e ampliare la segnaletica stradale”. Questa l’opinione del minisindaco e dell'assessore ieri mattina hanno effettuato un sopralluogo insieme ai tecnici per verificare l’andamento della situazione dopo due giorni dalla chiusura al traffico privato. 

“In particolare – aggiungono – da migliorare la segnaletica verticale riguardante gli incroci in tutta piazza del Colosseo (in entrambe le direttrici) e in via Labicana all’altezza di via di San Clemente e via del Parco Oppio. Occorre poi provvedere alla segnaletica per i ciclisti su via dei Fori Imperiali”. Per quanto riguarda la viabilità invece dal Municipio I viene messa in evidenza la necessità di “ridefinire l’incrocio via dei Serpenti/via Cavour e la situazione complessiva di via della Navicella/via Claudia (bus turistici).Si tratta di misure volte a ottimizzare lo scorrimento del traffico – conclude Sabrina Alfonsi - alle quali, a quanto ci risulta, i tecnici della Mobilità stanno già lavorando”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fori pedonali, il Campidoglio ai commercianti infuriati: "A settembre un confronto"
RomaToday è in caricamento