CentroToday

Piazza Navona libera dai dehors, commercianti in protesta: "Il nostro posto di lavoro non vale niente?"

Di ieri l'operazione decoro dei Vigili Urbani, con centinaia di tavolini "fuori legge" rimossi. Esercenti con le serrande abbassate: "Grazie sindaco per la perdita del lavoro"

Piazza Navona libera dai tavolini. E animata dalle proteste. Una guerra per il decoro che va avanti da anni, e che oggi, forse, incassa la prima vittoria, ma che insieme fa i conti con i malumori inevitabili dei commercianti. Una giornata agitata quella di ieri per gli esercenti dello storico salotto romano. Due i blitz della Polizia Municipale con centinaia di tavolini ritirati. Si parte la mattina, con il ristorante I Tre Scalini e il bar Bernini che hanno sgomberato completamente lo spazio davanti ai locali, secondo quanto disposto nei giorni scorsi dal Tar del Lazio. 

Alle operazioni erano presenti anche i vigili urbani con il comandante Raffaele Clemente, che però non sono dovuti intervenire, visto che gli esercenti interessati dal provvedimento hanno provveduto autonomamente a rispettare la sentenza. 

I vigili sono poi tornati in piazza nel pomeriggio, per la messa in sicurezza dell'area, con altri locali che affacciano sulla piazza costretti a regolarizzare le postazioni esterne. Ma gli esercenti non ci stanno e sono pronti alla protesta, impauriti dal possibile calo di incassi e dalla conseguente possibile perdita del posto di lavoro. Già ieri si sono fatti sentire, con saracinesche abbassate e striscioni eloquenti, addirittura bilingue: "Grazie sindaco per la perdita del posto di lavoro", o ancora "Il nostro posto di lavoro non vale niente? Il nostro stipendio? Le nostre famiglie?". 

Esulta invece il presidente del Codacons, Carlo Rienzi: "Finalmente Piazza Navona torna ad essere un luogo vivibile per cittadini e turisti". "La decisione del Tar ha trovato pieno accoglimento - afferma il presidente - Oggi infatti sedie e tavolini di bar e ristoranti di Piazza Navona apparivano disposti in modo da rispettare le disposizioni comunali e l'ordinanza dei giudici. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Siamo lieti di aver potuto verificare tutto ciò, e ringraziamo i vigili della capitale e il Comune di Roma. Resta tuttavia l'amarezza di essere dovuti ricorrere alle aule di giustizia per ottenere l'ottemperanza di limiti e regolamenti che andrebbero osservati sempre dagli esercenti, come forma di rispetto dell'amministrazione, del patrimonio storico della capitale, dei cittadini e dei turisti", conclude Rienzi. A fargli eco anche l'assessore al Commercio, Marta Leonori. "L'ordinanza del Tar riconosce piena validità alla decisione dell'amministrazione capitolina di applicare i piani di massima occupabilità".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento