Giovedì, 17 Giugno 2021
Centro Centro Storico / Piazza di Monte Citorio

Taglio ai piccoli comuni, i Sindaci invadono Piazza Montecitorio

Manifestazione dei "piccoli sindaci" in piazza di Montecitorio per la riconsegna simbolica delle chiavi dei municipi. Il presidente dell'Anpci Franca Biglio: "I comuni resteranno, c'e' l'impegno del sottosegretario Gianni Letta"

Fasce tricolori, gonfaloni, una selva di stendardi alzati nel sole impietoso di metà pomeriggio e manifesti funerari che annunciano la morte dei molti comuni che la manovra prevede di tagliare. Piazza Montecitorio è gremita: sindaci, giunte e semplici cittadini a gridare il propro sdegno di fronte ad una manovra che all'unisono viene definita iniqua.

I "piccoli sindaci" hanno lasciato a mezz'asta le bandiere dei loro municipi in segno di lutto e sono venuti a Roma per riconsegnarne le chiavi. Sono arrivati da ogni parte d'Italia, dai borghi delle vallate alpine ai piccoli centri della Sila. Un piccolo esercito pacifico ma deciso e, nonostante il "lutto", colorato, festante e sudato. Molti anche i sindaci di paesi più grandi, come il sindaco di San Vito Romano: "Venire mi è sembrato giusto perchè quando si colpisce l'anima di una nazione è giusto che tutti i cittadini reagiscano. E poi, per ora si cancellano quelli sotto i mille, ma chi ci dice che domani non vorranno cancellare quelli sotto i 5000?". Alle 14 una delegazione dell'Anpci è stata ricevuta a palazzo Chigi.

"I piccoli Comuni non verrano piu' accorpati, il che significa che ''continueranno a esistere'', e su questo ''c'e' l'impegno del sottosegretario alla presidenza del consiglio, Gianni Letta" dirà al termine dell'incontro Franca Biglio la presidente dell'associazione dei piccoli comuni. Qualcuno dei presenti si è ritenuto soddisfatto, altri sindaci non si fidano ancora, "finchè non ci sara il nero su bianco".

D'altronde, ha continuato la Biglio: ''Letta non ci ha garantito lo stralcio dell'articolo 16 perchè non è nelle sue possibilita', ma ci ha garantito che sara' il nostro portavoce, che portera' le nostre istanze all'attenzione del Consiglio dei ministri e del presidente del Consiglio. Si sta lavorando a una bozza di emendamento al decreto che vada nel senso del mantenimento dei piccoli Comuni" spiega la presidente dell'Anpci. ''Letta - prosegue - ci ha detto che la situazione e' profondamente cambiata anche grazie alla qualita' delle nostre osservazioni, e non ho motivi di dubitarlo". Tutti sono pronti comunque, se servirà, ad una nuova mobilitazione.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taglio ai piccoli comuni, i Sindaci invadono Piazza Montecitorio

RomaToday è in caricamento