CentroToday

Via Marsala, sosta selvaggia alla faccia dei lavori: "Restringiamo la corsia"

La proposta del presidente Enrico Stefàno in commissione. I lavori finanziati con i fondi del Giubileo sono terminati da poco, ma non sembrano aver debellato il fenomeno del parcheggio illegale

Sosta in via Marsala (foto Roma fa schifo)

Le brutte abitudini sono dure a morire. Così, alla faccia dei trentamila euro spesi per gli interventi anti sosta selvaggia alla stazione Termini, i romani continuano imperturbabili a parcheggiare dove non potrebbero. In via Marsala "pensiamo a restringere la corsia attualmente utilizzata come area di sosta illegale" propone durante la commissione congiunta Mobilità-Lavori Pubblici di oggi il presidente Enrico Stefàno. Certo, il cantiere si è appena chiuso, con gli ormai classici mesi di ritardo che hanno mandato su tutte le furie i commercianti della via. Pensare di dover ricominciare da capo, con evidente spreco di soldi pubblici, lascia perplessi. 

E' pur vero che se l'obiettivo era impedire i parcheggi fantasiosi di chi accompagna i pendolari ai binari, magari incentivando i "kiss and ride" su piazzale dei Cinquecento, si può dire che non è stato centrato. Lo dimostra il caos che regna quotidiano intorno a Termini, ma in particolare proprio su via Marsala, come dimostra in più video il noto blog Roma fa schifo. Cosa accade lungo le due nuove corsie ricavate con un cordolo in cemento centrale? Chi deve scorrere imbocca direttamente sulla corsia di sinistra, quella di destra funge invece da parcheggio, già consolidato a pochi giorni dall'inaugurazione. Gli automobilisti indisturbati si incolonnano uno dietro l'altro accanto al cordolo in cemento. E la "sosta selvaggia" vince ancora una volta. 

Eppure tra gli interventi anti degrado programmati per l'Anno Santo, quello in via Marsala era volto esattamente a riordinare il regime di viabilità e parcheggi, a renderlo più scorrevole attenuando l'impatto caotico sui turisti transitanti nello scalo. Si andarono a restringere i marciapiedi, ad allargare la carreggiata, a spostare i parcheggi dei motorini e i capolinea dei bus per l'aeroporto su via Giolitti e quelli turistici nel tratto finale di via Marsala, e a installare i cordoli di cemento bianco per formare due corsie. Costo dell'operazione (inutile?) circa 30 mila euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento