rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Centro

Nata la nuova consulta del commercio: servirà a ricucire il rapporto tra cittadini ed esercenti

Al neonato organismo hanno aderito 11 associazioni di categoria

E’ ufficialmente stata avviata l’attività della consulta del commercio in municipio I. Un organismo che, soprattutto nel territorio del centro dove gli esercenti sono più numerosi, acquisisce una particolare rilevanza.

Una consulta inclusiva

L’idea di riattivare una consulta era stata già avvallata dall’ente di prossimità lo scorso marzo. All’epoca, i presidente della commissione che l’aveva proposta, Sergio Grazioli, aveva pensato che potessero bastare solo novanta giorni per metterla in funzione. Così non è stato. “Abbiamo avuto bisogno di più tempo, per renderla più inclusiva possibile. Rispetto al passato, quando nella consulta erano presenti poche realtà, oggi siamo riusciti a coinvolgerne molti di più”. 

Chi ha aderito

Sono infatti undici le associazioni di categoria che fanno parte del nuovo organismo. Si va dall’ Assoristoratori, alla Confesercenti, ma sono comprese anche Ucec, Assotutela, Roma più Bella, la federazione dei medi e piccoli imprenditori, l’Aeper, l’associazione commerciale Prati Cola di Rienzo, l’Acosap, l’Arca e Turismo Confesercenti. E’ pertanto stata rispettata l’intenzione di allargarla anche alle cosiddette “realtà minori”, in modo da favorire una partecipazione allargata, capillare.

L'incentivo alla partecipazione

Rispetto al passato, oltre al numero di realtà coinvolte, vanno contemplate anche le regole, divenute più stringenti. Le sigle che, senza comunicarlo, non si presentano alle convocazioni, decadono automaticamente.  Una scelta  fatta per provare a rendere più efficiente il lavoro di chi vi prenderà parte. In linea con l'aspettativa del presidente della commissione commercio che ha dichiarato di voler puntare sulla “ partecipazione di chi rispetta le regole e vuole essere parte produttiva di questa città”. La consulta, che ha nominato come presidente Pietro Lepore dell’associazione "turismo Confesercenti" e come vicepresidente Paolo Molinaro dell’Acosap.

Migliorare il rapporto tra commercianti e residenti

L’obiettivo di questo nuovo organismo, che ha solo potere consultivo visto che ogni proposta dovrà poi passare al vaglio della commissione commercio, è quello di puntare ad una pacificazione sociale. “Se dovessi sintetizzare in una frase l’obiettivo di questa consulta – ha spiegato il consigliere Grazioli – direi che è nata per garantire una serena convivenza tra i commercianti ed i residenti del nostro territorio”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nata la nuova consulta del commercio: servirà a ricucire il rapporto tra cittadini ed esercenti

RomaToday è in caricamento