Martedì, 15 Giugno 2021
Tor Tre Teste Tor Tre Teste / Via Francesco Tovaglieri

Tor Tre Teste, "ecomostro" di via Tovaglieri: per il restyling si spera nel Giubileo

Il capogruppo Panecaldo e la consigliera Fannunza: "Ci auguriamo che l'imminente avvio dell'Anno Santo rappresenti l'occasione giusta per il ritorno in possesso - da parte dell'amministrazione comunale - del parcheggio multipiano"

Un "ecomostro" da anni, un parcheggio multipiano che non ha mai ospitato macchine, solo rifiuti, senza tetto, siringhe, accampamenti. E che solo un miracolo giubilare potrebbe rimettere in sesto. O almeno questa è la speranza. "Ci auguriamo che l’imminente avvio dell'Anno Santo rappresenti l’occasione giusta per il ritorno in possesso - da parte dell’amministrazione comunale - del parcheggio multipiano di Via Francesco Tovaglieri e della definitiva e tanto auspicata riqualificazione dello stesso e dell’area circostante". E’ quanto dichiarano in una nota Fabrizio Panecaldo, capogruppo PD in Campidoglio e Cecilia Fannunza, consigliera comunale.

"A seguito di una personale verifica presso l’Ufficio Parcheggi di Roma Capitale siamo venuti a conoscenza del fatto che il parcheggio suddetto - collocato davanti alla chiesa di Dio Padre Misericordioso, progettata dal famoso architetto Meier – inserito all’interno del Piano Urbano Parcheggi (PUP) è finito nella ‘massa passiva dei beni della società concessionaria’ a seguito della messa in liquidazione della società stessa. 

Ciò significa che ogni eventuale utilizzazione dell’immobile in oggetto dovrà essere subordinata all’assenso del giudice che ne cura la liquidazione. E’ necessario, pertanto, un intervento rapido e risolutivo da parte degli organi competenti per chiudere il cerchio su una situazione che sta rischiando di diventare ‘kafkiana’ e difficile poi da spiegare ai cittadini romani". 

I FATTI - Già, un caos burocratico amministrativo blocca tutto sul parcheggio di via Tovaglieri. Il fabbricato fu destinato nel 2009 a ospitare box auto, con affidamento degli spazi da parte del Comune a una concessionaria.

Niente è mai stato fatto nella struttura, ridotta a latrina, perché la ditta avviò poco dopo una procedura di fallimento. A febbraio 2015 la revoca della concessione, alla quale però non è seguito il passaggio di consegne agli uffici capitolini. Si spera nel Giubileo.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tor Tre Teste, "ecomostro" di via Tovaglieri: per il restyling si spera nel Giubileo

RomaToday è in caricamento