Tor Tre Teste Acilia / Via Severino Fabriani

Via Severini: sequestrate tre tonnellate di rame rubato

I Vigili Urbani hanno sequestrato3 tonnellate di rame in via Severini vicino a un campo nomadi non autorizzato. Sembrerebbe che il furto sia stato perpetrato ai danni della Telecom

In via Severini, vicino a un campo nomadi non autorizzato, i vigili urbani del Gruppo Sicurezza Sociale e Urbana, hanno sequestrato una grande quantità di rame. La scoperta è arrivata durante i controlli anti prostituzione che gli uomini della GSSU stavano effettuando in via Palmiro Togliatti.

Gli agenti hanno visto una coltre di fumo che arrivava dalla collinetta in cui si erano insediati i nomadi. Pensando si trattasse di un incendio sono subito intervenuti anche per prestare, eventualmente, i primi soccorsi. Giunti sul luogo hanno invece verificato che il fumo si sprigionava da alcuni focolai ancora attivi. Tra le fiamme numerose matasse di cavi di rame in fase di “lavorazione” per permettere poi di  rivendere il metallo al mercato nero. Gli agenti hanno subito spento i focolai perché questo primitivo  processo di separazione del rame dalla guaina in plastica è altamente inquinante per l’ambiente perché sprigiona, tra le altre sostanze tossiche, anche la pericolosa diossina.

L’arrivo degli agenti municipali ha messo in fuga gli incendiari che hanno avuto il tempo di dileguarsi anche grazie alle condizioni impervie del terreno. Spente le fiamme si è proceduto al sequestro di tutto il materiale che è risultato così ingente da far intervenire un bulldozer della Protezione Civile comunale e un  grosso camion per convogliarlo presso un centro di rottamazione. La pesa elettronica del deposito giudiziario ha certificato il sequestro in circa tre tonnellate di rame. Dai timbri impressi sulla guaina e sul metallo sembrerebbe che il furto sia stato perpetrato ai danni della Telecom ma gli accertamenti sono ancora in corso. Il materiale, se immesso sul mercato nero, avrebbe fruttato una cospicua somma di denaro, quantificabile in circa ventimila euro.  
Il fenomeno del furto di rame (ottimo conduttore elettrico dopo l’argento, molto resistente alla corrosione, non magnetico e riciclabile al 100%) non è nuovo e anzi sembra aumentare di giorno in giorno. Solo qualche settimana fa un furto analogo ha bloccato il traffico ferroviario della stazione Termini. Dietro questa pratica ci sarebbero bande assai strutturate che lucrano cospicuamente su tale attività tanto che la quotazione ha fatto assumere al metallo la denominazione di “oro rosso”.

rame1

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Severini: sequestrate tre tonnellate di rame rubato

RomaToday è in caricamento