rotate-mobile

Tor Sapienza ha fame di verde: Raggi consegna il "Barone rampante". L'appello: "No all'isola ecologica accanto agli orti urbani"

La consegna delle chiavi di un parco cittadino è una notizia attesa e benvenuta dal comitato di quartiere che però non può far a meno di ricordare alla prima cittadina che a pochi passi la sua giunta vuole costruire un'isola ecologica su un'area tutelata da vincolo

Un affidamento chiesto e atteso da tempo quello del parco Barone Rampante, un'area verde attrezzata che sorge tra le case popolari di viale Giorgio Morandi e via Tranquillo Cremona. E così, nel pomeriggio di martedì 6 aprile, la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha consegnato personalmente le chiavi nella mani di Nuccia D’Alessandro e Elvio Macario del comitato di quartiere Morandi Cremona, il quale si occuperà della sua gestione. “Mentre i lavori più grossi restano ovviamente in capo a Roma Capitale”, ricorda Raggi.

Ma per i cittadini  l’occasione è buona anche per ricordare alla prima cittadina che proprio a poche centinaia di metri, su un’aria sottoposta a vincolo e su cui è stato finanziato un progetto di riqualificazione importante con oltre 250 orti urbani, verrà costruita una delle 17 isole ecologiche di Ama. “Siamo sicuri che non permetterà mai una cosa del genere - dice D’Alessandro alla sindaca -. La accompagnamo noi a fare il sopralluogo”.

VIDEO | "Il sogno trasformato" in un incubo, accanto agli orti urbani il Comune vuole mettere un'isola ecologica

Accanto a Raggi la delegata alle Periferie, Federica Angeli, che sottolinea: “Non è una discarica ma un progetto approvato dal municipio di Roma”. Ed è proprio nei confronti del municipio V che i cittadini sono infuriati: “Non ci hanno coinvolto, e li l’isola ecologica non si può e non si deve fare”, risponde Macario. Strappando l’impegno di Raggi a fare chiarezza sulla questione.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Tor Sapienza ha fame di verde: Raggi consegna il "Barone rampante". L'appello: "No all'isola ecologica accanto agli orti urbani"

RomaToday è in caricamento