Tor Sapienza Tor Sapienza / Viale Giorgio Morandi

Parco di Tor Sapienza: "Fa più danni la burocrazia che un fiume in piena"

La denuncia di un residente: a circa un anno dalla riqualificazione dell'area il gestore che dovrebbe manutenere il parco non ha ancora i permessi

Dopo la battaglia per sottrarlo alle mani dei privati, e i soldi spesi per la riqualificazione, la situazione del Parco Tor Sapienza non è affatto migliorata, soprattutto a causa delle lungaggini burocratiche che impediscono al gestore di effettuare la manutenzione. È quanto denuncia un membro del Comitato Abitanti Tor Sapienza che ha pubblicato diverse foto che ritraggono il degrado dell'area verde.

"Dopo tutti i soldi spesi per la realizzazione del parco di Tor Sapienza, il gestore del Parco, unico candidato alla gara per la sua gestione, a distanza di un anno non ha ancora i permessi per svolgere il compito prefisso. Questo il risultato. Fa più danni la burocrazia che un fiume in piena".

Le direzioni, tecnica e amministrativa, avevano infatti pubblicato un bando di gara pubblico per la realizzazione di un chiosco all’interno del parco; all'unico gestore che ha presentato domanda veniva chiesto l’obbligo di eseguire lavori di pulizia e piccola manutenzione e di effettuare il servizio di apertura e chiusura del parco. Oltre alla gestione di manutenzione è in stand by anche il bando per l'assegnazione di 20 parcelle ortive realizzate all'interno dello stesso parco. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco di Tor Sapienza: "Fa più danni la burocrazia che un fiume in piena"

RomaToday è in caricamento