menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comprensorio Maggiolino, al via il porta a porta: svolta o ennesima promessa?

Cumuli di rifiuti e una strada consortile piena di crateri: dal 20 luglio nel Comprensorio parte la raccolta rifiuti porta a porta. Basterà a restituire decoro all'area?

Le mille promesse di Alemanno circa la soluzione dei problemi del comprensorio Maggiolino si sono liquefatte con la fine del suo mandato: cumuli di rifiuti, una strada consortile aperta al pubblico transito il cui fondo è assimilabile a scorci di paesaggio lunare, una situazione igienico ambientale che la rende simile a scorci di Malagrottiana memoria. Tutto questo, stando alle indiscrezioni e alle notizie postate sulla rete, dovrebbe avere ormai vita breve grazie ad un accordo tra cittadini residenti e Ama Spa.

Un accordo che da domani 20 luglio dovrebbe inaugurare la raccolta dei rifiuti domestici con un porta a porta spinto sull'intero quadrante del Maggiolino oltre a prevedere l'eliminazione di tutti cassonetti dalla strada, da sempre usati in maniera impropria da parte di alcune aziende presenti nel consorzio. L'Ama ha anche promesso un monitoraggio continuo della zona per evitare ed eventualmente sanzionare eventuali abusi.

Promesse sempre promesse, ma soprattutto come in questo caso, soluzioni parziali che lasciano inalterati gli altri problemi che incidono tra l'atro anche sulla sicurezza. La strada ricordiamolo è privata e appartenente al Consorzio di cui porta il nome " Maggiolino " . La sede stradale come abbiamo detto è formata da veri e propri minicrateri e viene usata sia per la sosta e sia come una immensa area per carico e scarico di enormi Tir. Recentemente la strada è stata dotata di illuminazione pubblica.  

Ma la vergogna più grande e sempre denunciata dai residenti è rappresentata dalle mini discariche che fanno da cornice ai tre o quattro gruppi di cassonetti istallati sulla strada. Una Vergogna che da domani dovrebbe cessare, visto che l'Ama toglierà i cassonetti su via del Maggiolino, partirà con la raccolta porta a porta e una vigilanza mirata per reprimere gli eventuali abusi. 
 

Vedremo adesso come evolverà la situazione dal punto di vista dell'igiene e del degrado, rimane però al palo l'acquisizione da parte del Comune di Roma della strada, l'unica scelta per poter realizzare la messa in sicurezza e regolamentare soste e carico e scarico delle merci. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento