CentocelleToday

Centocelle, caldaia rotta alla scuola materna Cecconi: un centinaio di bambini al freddo

A rimanere senza riscaldamenti sono quattro classi. Domani il trasferimento in altre stanze

Un centinaio di bambini dai 3 ai 5 anni della scuola materna Fausto Cecconi di via dei Glicini 60, a Centocelle, sono senza riscaldamento da una ventina di giorni. Una parte dell'impianto che alimenta l’istituto ha smesso di funzionare e quattro sezioni sono rimaste al freddo. Secondo quanto apprende Romatoday il Municipio ha già segnalato al dipartimento comunale Simu, incaricato della manutenzione delle scuole comunali.

“Abbiamo assicurato il trasferimento dei bambini nell’ala dell’istituto dove i termosifoni funzionano”, ha fatto sapere a Romatoday il presidente del V municipio Giovanni Boccuzzi. “Quando il guasto si sarà risolto i bambini torneranno nelle loro aule”.

I genitori però denunciano: “I bambini sono al freddo dal 6 novembre”. Domani, giovedì 28 novembre, “entreranno alle 11.30 proprio perché al mattino verranno spostati tutti i tavoli e le sedie nelle aule riscaldate". Un disagio per molti genitori. "Abbiamo dovuto sollecitare più e più volte questo intervento mentre i nostri figli restavano al freddo”, il racconto di una madre. Non è la prima volta che succede. “Anche a metà dello scorso anno scolastico la stessa caldaia si è rotta e i bambini sono stati spostati. Stavolta ha funzionato solo per qualche giorno. Ci chiediamo come mai non è stata aggiustata nel periodo estivo. In base a quello che ci è stato detto servirà del tempo per ripararla”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento