CentocelleToday

Rom occupano palazzo a Centocelle: il quartiere incredulo si aspetta lo sgombero

I soci della cooperativa in presidio sotto il palazzo. Momenti di tensione all'arrivo dei rom con il cibo

"Se avete bisogno di aiuto avvisateci. Organizziamo un volantinaggio e mobilitiamo il quartiere". Antonio, 70 anni di lotte e rughe che ne hanno viste tante, in via dei Lauri ci è capitato per caso. Stava portando a spasso il suo cane, quando ha visto la polizia e i vigili. Incuriosito, si è avvicinato ed ha scoperto quello che era successo la sera prima. Quando ha saputo, come tanti, ha allargato le braccia, esclamando: "Ma dove siamo arrivati...".

Una trentina di rom, provenienti dal campo di via di Salone, ieri alle 23.00 ha fatto irruzione in quest'edificio di Centocelle. Qui al civico 15, in un ex scuola media, è in atto uno dei pochissimi progetti di autorecupero della Capitale. In pratica il Comune mette a disposizione immobili di sua proprietà abbandonati, effettua lavori su parti comuni e i cittadini vincitori del bando si fanno carico degli appartamenti interni. Mancava poco, pochissimo alla consegna. In tanti lo sapevano, evidentemente anche chi ha occupato la struttura. 

"Noi - racconta Bruno Papale della Cooperativa Inventare l'abitare - più di 15 anni fa abbiamo vinto un bando e dal 2008 stavamo aspettando la consegna del palazzo. Aspettavamo la convocazione del Campidoglio per sbloccare gli ultimissimi lavori: mancano 40.000 euro. Ora speriamo che quest'occupazione non pregiudichi tutto". Papale è solo uno dei 19 assegnatari che da anni aspetta che la situazione si sblocchi. Appena appresa la notizia, insieme agli altri, si è precipitato sul posto, avviando un presidio spontaneo. 

"Non vogliamo scatenare nessuna rivolta", ci spiega un altro assegnatario. "Avremmo gioco facile a prendere il megafono e a fomentare il razzismo. Non vogliamo però scatenare nessuna guerra tra poveri. Chiediamo solo che la legge venga rispettata". Hanno chiamato il presidente del V municipio Giovanni Boccuzzi che ha fatto sapere di essere impegnato in una domenica in famiglia, scatenando una risata di amara rassegnazione all'inerzia e all'incapacità dell'amministrazione e al conseguente dover far da soli: "Ci ha promesso soluzioni entro domani". Sempre domani è in programma una conferenza stampa qui in via dei Lauri, oltre ad un presidio sotto l'assessorato dei lavori pubblici. 

VIDEO | Rom occupano palazzo, i soci della Cooperativa: "Noi qui, il Comune e municipio non si sono visti"

In via dei Lauri sono arrivati i vigili, la polizia, la sala operativa sociale. Il censimento mostra chiaramente come si sia trattato di un'azione organizzata. "Ci sono all'interno", fa sapere il comandante del V gruppo Prenestino Mario De Sclavis, "trenta persone. Metà sono donne, gli altri bambini e ragazzini. Due donne sono incinte, una necessita di cure, un'altra ha partorito da 10 giorni". Tutte fragilità, quelle che solitamente impediscono gli sgomberi. "Siamo in contatto con il Comune di Roma e con la Polizia". Sulle iniziative da adottare per il momento non si sbilancia anche se la situazione a suo dire troverà presto una soluzione. 

Sul posto, a mezzogiorno, anche una delegazione dei rom di via di Salone. A guidarla Najo Adzovic, ex delegato ai rom di Gianni Alemanno. "Ho chiamato e pregato di lasciare questo palazzo, ma non mi vogliono sentire". Con gli altri abitanti del campo ha portato del cibo. Vorrebbe portarlo su, ma la polizia lo ha bloccato. Non sono mancati i momenti di tensione, con gli assegnatari che non credono alle sue parole. "Tu non sei uno qualunque, sei uno che conta. Se dici che devono uscire, loro ti ascoltano", urlano i manifestanti. Non credono alle parole di facciata di Najo e pensano che dietro all'occupazione ci sia un'azione premeditata. 

L'occupazione era annunciata. E proprio questo è il rimprovero dei cittadini al Comune: "Avevamo chiesto una guardiania", racconta Bruno Papale. "Il nostro appello è rimasto inascoltato". Antonio, che qui con il suo cane passava per caso, parla di "un'occupazione annunciata. Lo dico da tempo: per come era messo e come era abbandonato era una preda facile. Dispiace, perché al di là della nazionalità degli occupanti, si stanno sprecando dei soldi nostri". Altri cittadini della zona confermano "strani movimenti nei giorni che hanno preceduto l'occupazione". Lo stesso Papale non si capacita: "Avevamo avvisato l'assessora Gatta degli strani movimenti. Abbiamo chiesto di prendere delle precauzioni. Ora rischiamo di ritrovarci il palazzo danneggiato e di dover spendere ancora più soldi". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nonostante la rabbia però i soci della cooperativa non alzano i toni e non spingono sul razzismo. Nel quartiere però non tira la stessa aria. In un bar a pochi metri i commenti sono decisamente diversi: "Ma perché la polizia non li sgombera?", si chiede Sergio, un 50enne che vive in via dei Noci. "Raduniamo persone e ripijamose quello che è nostro", aggiunge un ragazzo sui 20 anni. C'è incredulità per quanto accaduto. In tanti passano davanti al palazzo, chiedono e quando apprendono allargano le braccia aggiungendo. "Ma dove siamo arrivati". Così, anche di domenica, su Centocelle soffiano venti di guerra tra poveri. A spegnerli, ancora una volta, saranno chiamate le forze dell'ordine, lasciando poi al Comune il compito di gestire le polemiche che ne seguiranno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento