CentocelleToday

"Pinuccia te cerca Tarzan": a La Rustica contestati assessora Montanari e giunta municipale

Rifiuti, aree verdi abbandonate, mancate promesse e mancata trasparenza sui progetti annunciati i temi sul tavolo. Ad accogliere i grillini cartelli di protesta. Coinvolti nella contestazione il presidente e soprattutto l'assessore municipale Pulcini

"Pinuccia te cerca Tarzan". "Qui chi ha sabotato, Tarzan?". E ancora: "Queste so de ieri. Mettece la data". Sono stati accolti così, con questi cartelli, gli esponenti del M5s intervenuti ad un incontro con i cittadini di La Rustica. In un territorio che ha largamente premiato Virginia Raggi al Comune e Giovanni Boccuzzi come presidente di Municipio, dove tanti hanno aderito alle istanze pentastellate, fidandosi del MoVimento, si è celebrata l'ennesima fine della luna di miele tra le periferie e i grillini. 

Una contestazione civile ma pesante nelle parole usate dai cittadini, pronti a smentire e canzonare ogni intervento ora del presidente Boccuzzi, ora dell'assessora all'ambiente in Campidoglio Pinuccia Montanari, ora del responsabile all'ambiente municipale Dario Pulcini. E proprio quest'ultimo è stato l'esponente  maggiormente bersagliato dai cittadini. I toni ruvidi usati su facebook, hanno avuto come contraltare una contestazione che sin dai cartelli ha praticamente sancito la sfiducia popolare. Così se su facebook ad ogni foto di rifiuti lui replica con la frase "senza data non le prendo in considerazione", nei cartelli gli si dice apertamente di  mettere la data. Se lui parla di boicottaggio, nei cartelli si evoca Tarzan come il re dei sabotatori. 

Rifiuti, aree verdi abbandonate, mancate promesse e mancata trasparenza sui progetti annunciati. Queste le contestazioni dei cittadini. Sui rifiuti non raccolti o abbandonati il presidente Boccuzzi ha spiegato: "Chiederemo ad Ama di portare anche a La Rustica il porta a porta spinto come a Casale Caletto, quartiere limitrofo, ma del IV municipio. Da quel quartiere vengono a sversare qui. Con lo stesso modello di differenziata il problema verrebbe risolto". Qui lo schiaffo dei residenti. "A Casale Caletto non c'è nessun porta a porta. Ci è stata imposta una differenziata, ma non vengono a ritirare". Senza parole Boccuzzi. 

Più tecnica l'assessora Montanari che ha presentato il piano per la città fatto di riduzione dei rifiuti, di nuova vita dei materiali, di CRIC, centri per il riciclo creativo, di isole ecologiche. "Interventi", ha spiegato la Montanari, "che hanno bisogno del loro tempo (2020, 2021 l'orizzonte, ndr) ma che porteranno risultati importanti, con diminuizione dei materiali post consumo, diminuzione della Tari e aumento dell'occupazione". A supporto il presidente della commissione Ambiente Daniele Diaco: "L'isola ecologica è un aspetto fondamentale per aumentare la differenziata. Vogliamo arrivare al 70%, ma il nostro vero obbiettivo è il 100%. Capisco che non si vedano risultati, ma l'aver presentato un piano industriale è un passo importantissimo rispetto all'immobilismo del passato. I risultati sono certo si vedranno". 

Isola ecologica di La Rustica che dovrebbe sorgere in via Guidi. Un progetto molto vago di cui i cittadini si aspettavano di conoscere i dettagli e che invece è stato dato per scontato senza ulteriori particolari. Anche per questo dai cittadini sono emersi malumori. "Non ne faccio un mistero, ho votato cinque stelle volevo dare fiducia a questa novità politica, che però si sta rivelando uguale se non peggiore di quella vecchia" ha dichiarato Dina Perri, ex vicepresidente del Cdq La Rustica "siamo assolutamente disposti a parlare dell'isola ecologica, ma sul territorio le priorità sono ben altre: sicurezza, opere compensative tav, chiusura dei campi rom. Su questo nemmeno una parola"

Se a Tor Sapienza si era salvata la faccia con una pulizia estemporanea, ieri il parco caduti Marcinelle si presentava con erba altissima, ben ritratta nei cartelli e le cui responsabilità esplicitate nelle frasi contro la Montanari e Pulcini. La replica? La solita litania sul passato: manca il personale, mancano i mezzi, mancano i giardinieri. "Siamo intervenuti individuando le risorse per acquistare i materiali necessari ai lavori", spiega la Montanari, che ha raccontato i problemi esistenti e le colpe passate, spiegando quanto impostato: "Dobbiamo intervenire in tanti punti della città. Dobbiamo far tornare Roma il giardino d'Europa. Ogni intervento ci consentirà di migliorare la qualità della vita. E' un percorso lento e complesso. Intanto abbiamo sbloccato 12 milioni di euro. Quando saranno sbloccate le gare, potremo intervenire per mettere in sicurezza le alberature e potremo per tre anni pianificare gli sfalci, facendo meglio rispetto a quest'anno".

E i roghi tossici? Anche La Rustica vive la piaga e chiede risposte. L'assessora Pinuccia Montanari spiega: "Abbiamo creato l'osservatorio Ambiente Salute, dove scientificamente andremo ad indagare il legame tra roghi ed eventuali patologie dei cittadini. Quel che è certo è che i roghi devono finire e posso dire che se aumenteremo la differenziata, azzereremo i rifiuti, sicuramente queste persone non avranno più materiali da bruciare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Coronavirus, a Roma 1306 nuovi casi. D'Amato condanna: "Assurde le scene viste nei centri commerciali"

Torna su
RomaToday è in caricamento