menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centocelle, palazzine senza riscaldamenti: 250 famiglie al freddo nelle case del Comune

Il comprensorio di 250 appartamenti è collocato tra via dei Larici, viale Togliatti e via Castore

Famiglie al freddo nelle case del Comune di via dei Larici a Centocelle dove i riscaldamenti, fino ad ora, non sono mai stati accesi e tra gli inquilini serpeggiano rabbia e disperazione perché, ad oggi, non hanno ricevuto ancora nessuna risposta ai numerosi solleciti. 

Termofisoni mai accesi, 250 famiglie al freddo

“Non sappiamo se la mancata accensione dei riscaldamenti sia un guasto alla caldaia o sia dovuta a un malfunzionamento specifico, l’unica cosa certa è che siamo al freddo da giorni: nelle nostre case i termosifoni non sono mai stati accesi”. A parlare è un’inquilina di uno degli appartamenti di via dei Larici, del civico 19, nel quartiere Centocelle. Il comprensorio però, dotato di un’unica caldaia centralizzata, si estende su più parti e abbraccia diverse strade come viale Palmiro Togliatti e via Castore e sono in totale 250 le famiglie sprovviste di riscaldamento. 

Gli inquilini: "Nessuna comunicazione da parte del Comune"

Dopo i controlli da parte dei tecnici del Comune avvenuti nei giorni scorsi, gli inquilini di via dei Larici non hanno avuto più nessuna notizia. “Da lunedì tutti stiamo telefonando al numero verde per chiedere informazioni ma veniamo rimbalzati ad un centralino che non fornisce nessuna risposta” ha aggiunto l’inquilina che ha concluso: “Vorremmo quantomeno capire di quale problema si tratta, nessuno ci comunica nulla”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    "Ma che c'hai prescia?", cosa significa e perché si dice così

  • Sicurezza

    Come eliminare l’odore di fumo in casa

  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento