rotate-mobile
Centocelle Quadraro / Via di Centocelle

Parco di Centocelle, il ministero: "Il Pentagono? Area già in uso alla Difesa"

Da via XX Settembre la risposta all'interrogazione dell'onorevole Marco Miccoli sulle condizioni del parco. Il Pac: "Scaricabarile sui rifiuti e spiegazioni insufficienti sul Pentagono"

Sui rifiuti interrati dell'ex tunnel Mussolini la competenza è degli enti locali, e sul "Pentagono italiano" un progetto esiste ma rientra nel "sedime già in uso alla Difesa". Il ministero risponde all'interrogazione dell'onorevole Marco Miccoli, sollecitato dal Pac Bene Comune, avente come oggetto le emergenze che affliggono il parco di Centocelle. Dall'immondizia sotterrata sul lato del cosiddetto "canalone" (su cui indaga la Procura)alla realizzazione, annunciata settimane fa dal ministro Pinotti, di un quartier generale della Difesa nella zona del parco dove già insiste l'Areonautica militare. Una risposta quella arrivata dal Governo centrale che i cittadini non sembrano aver apprezzato. 

Sui rifiuti il ministero scrive: "Non posso essere riferiti ad attività svolte dal Dicastero all'interno dei propri sedimi, bensì ad atti compiuti da terzi in aree pubbliche circostanti il parco, in relazione ai quali la competenza è in capo agli enti locali e tra questi, per quanto attiene alle specifiche attività di bonifica ambientala, all'amministrazione di Roma Capitale".  Mentre sul progetto del "Pentagono italiano" precisa che "la struttura insisterà sul sedime già in uso alla Difesa senza espansioni nele aree limitrofe. Sono previsti, naturalmente contatti con le amministrazioni per condividere la progettualità, così come prescritto dalle normative in materia". 

"Restiamo amareggiati dall’operazione di scaricabarile espressa sulla questione emergenza rifiuti e sbigottiti dall’esplicito riferimento circa interlocuzioni sul Pentagono" scrivono in una nota i membri del Pac. "Di fatto si conferma quindi l’esistenza di un progetto militare, senza al tempo stesso fare alcun riferimento né a specificità architettoniche, urbanistiche, di integrazione con la specificità naturalistiche del Parco e tanto meno ad una condivisione con i cittadini del quadrante di Roma Est su cui il parco insiste".

LA PROTESTA IN CAMPIDOGLIO: "NON CI AVVELENATE"

Per il comitato la riposta del ministero "è del tutto insufficiente, necessitiamo di approfondimenti ben più specifici sul progetto e sulla necessità della bonifica e risanamento del parco. E come si mettono insieme le dichiarazioni del Ministero della difesa con quelle del presidente del V Municipio Giovanni Boccuzzi, che all’assemblea pubblica del 7 marzo scorso ha mostrato a una numerosa platea un progetto da cui risulta una sottrazione di aree pubbliche a vantaggio del Pentagono?" (qui il progetto). 

Insomma, dalla "terra dei fuochi romana", per dirla con il presidente della commissione Ambiente, Daniele Diaco, alla "terra di nessuno". Il 2 giugno l'appuntamento "al Parco Archeologico di Centocelle per rendere manifesto nei fatti l’uso che oltre 300mila abitanti del quadrante Roma est vogliono del loro Parco, Bene Comune primario per la tutela della propria salute".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco di Centocelle, il ministero: "Il Pentagono? Area già in uso alla Difesa"

RomaToday è in caricamento