CentocelleToday

Centocelle: rifugiati politici occupano stabile Acea in via Tor de' Schiavi

L'azione la sera del 26 ottobre. Lo comunica Massimo Pasquini dell'Unione Inquilini Roma: "Sostegno e solidarietà alle famiglie che ripropongono il tema della vasta precarietà abitativa a Roma"

"Richiedenti asilo e rifugiati politici, uomini, donne e bambini senza una casa da ieri sera hanno occupato un vecchio stabile in disuso da anni dell'Acea a Centocelle via Tor de Schiavi. La prima notte è trascorsa serena, il tempo è buono ma molto umido", ne dà notizia Massimo Pasquini, dell'Unione inquilini di Roma.

SOSTEGNO ALL'OCCUPAZIONE - Nota di Massimo Pasquini che prosegue: "L'Unione Inquilini di Roma esprime sostegno e solidarietà alle famiglie che ripropongono il tema della vasta precarietà abitativa a Roma e la presenza di innumerevoli immobili pubblici o sotto il controllo pubblico - aggiunge - per affrontare il tema della precarietà abitativa in maniera strutturale, dal recupero e dal riutilizzo di questi immobili si deve partire. L'Unione Inquilini da oggi e nei prossimi giorni darà il massimo del sostegno alla occupazione effettuata da richiedenti asilo e rifugiati politici. A Roma è urgente il blocco degli sfratti e che la graduatoria di coloro che hanno fatto il bando sia pubblicata. Il Comune dia il via ad un vero piano casa fondato sul recupero dell'esistente per realizzare in cinque anni almeno 2000 appartamenti l'anno. Sindaco Marino se ci sei batti un colpo". L'unione inquilini fa sapere, in merito all'occupazione, che "servono urgentemente coperte, materassi, reti, materiali per pulire, e soprattutto la massima solidarietà".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

RIFONDAZIONE COMUNISTA - Anche Paolo Ferrero, segretario nazionale di Rifondazione Comunista parla in merito all'occupazione: "In occasione delle recenti stragi di immigrati a Lampedusa il governo ha espresso molte parole ma nessun fatto. I profughi ed i richiedenti asilo che sono in Italia dopo essere sfuggiti alle guerre continuano ad essere abbandonati a loro stessi. Per questo ieri sera un gruppo di profughi e richiedenti asilo ha occupato a Roma uno stabile dell'Acea, vuoto da anni. Sono presenti compagni e compagne di Rifondazione - che appoggia l'occupazione - tra cui il segretario provinciale Prc Fabio Alberti. Di fronte ad un governo impegnato solo a stabilizzare se stesso, disinteressato a risolvere i problemi del paese, noi facciamo politica al fine di risolvere i problemi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento